Calciomercato Napoli/ Idea Criscito: le cifre. Notizie del 13 dicembre (aggiornamenti in diretta)

- La Redazione

Il Napoli pensa a rinforzi per gennaio: nel mirino c’è anche Domenico Criscito, che però si è qualificato agli ottavi di Champions League con lo Zenit San Pietroburgo e potrebe restare

CriscitoZenit
Mimmo Criscito, terzino sinistro dello Zenit San Pietroburgo (Infophoto)

Eliminato in maniera beffarda dalla Champions League, il Napoli pensa già alle contromosse di calciomercato: la finale di Europa League in Italia attira non poco, e Rafa Benitez già lo scorso anno ha preso in mano una squadra eliminata dalla massima competizione europea per portarla comunque al trionfo internazionale. Servono però innesti di qualità, perchè l’Europa League è competizione dispendiosa: non va dimenticato, e il presidente De Laurentiis non ha mancato di ricordarlo, che l’obiettivo principale resta comunque quello del terzo posto in campionato, così da tornare in Champions. Una delle ipotesi per la difesa è Domenico Criscito: già cercato in passato, il terzino sinistro dello Zenit San Pietroburgo piace anche al Genoa che sogna di riportarlo a Marassi. Per strapparlo al club russo di Luciano Spalletti servono circa 7-8 milioni di euro: un prezzo che il Napoli potrebbe coprire. C’è tuttavia un ostacolo: il fatto che lo Zenit si sia qualificato per gli ottavi di Champions League, e che quindi nè la dirigenza russa nè tantomeno il giocatore potrebbero essere propensi a un trasferimento. Criscito potrebbe comunque giocare in Europa League: una prospettiva che, unita al fatto che si tratterebbe della squadra della sua città, potrebbe cambiare gli scenari. 

Il ds del Napoli, Bigon, potrebbe trasferirsi al nord, destinazione Milan o Inter: ecco le rivelazioni dell’agente Fifa, Perna, intervistato in esclusiva da IlSussidiario.net.

Non sarà l’eliminazione dalla Champions League a fermare il patron del Napoli, Aurelio De Laurentiis. Il numero uno dei partenopei è infatti pronto ad una campagna acquisti di riparazione faraonica, immettendo sul mercato un assegno che dovrebbe aggirarsi attorno ai 50 milioni di euro. Il presidente degli azzurri è convinto che la rosa attuale sia di livello, ma con innesti mirati potrebbe competere con qualsiasi squadra sia in Italia quanto e soprattutto in Europa. Si comincerà con l’andare a tastare la situazione di Erik Lamela, esterno d’attacco del Tottenham dato in partenza già a gennaio. Sulle sue tracce vi è anche l’Inter ma il Napoli sarebbe in vantaggio per una semplice questione economica. Il 21enne ex Roma piace da matti ai partenopei e già la scorsa estate De Laurentiis fece una proposta ai giallorossi che però non riuscì a superare quella folle da 35 milioni di euro da parte degli Spurs. Ora il Napoli ci riprova, conscio che il valore dello stesso ex River Plate è calato notevolmente dopo sei mesi in chiaro scuro al White Hart Lane.

Il Napoli si muoverà anche sul mercato dei terzini. E’ spuntata l’idea Aleksandar Kolarov, in forza al Manchester City. Uscito di recente allo scoperto l’ex Lazio non ha nascosto la possibilità di un addio ai Citizens e di un ritorno in Italia. Il 28enne della nazionale serba ha il profilo ideale per il Napoli e tra l’altro gode già di un’esperienza positiva in Serie A. Insieme a lui sbarcherebbe anche Luca Antonelli e di fatto le due corsie sarebbero blindate. Attenzione anche a Blaise Matuidi, centrocampista del Paris Saint Germain, mediano dai piedi buoni, il cui contratto scadrà al 30 giugno del 2014. E’ curato da Mino Raiola ed è nel mirino anche del Milan: a gennaio cambierà squadra. Infine occhio all’idea Musacchio, difensore centrale 24enne in forza al Villarreal, calciatore di grande qualità e prospettive.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori