Calciomercato Napoli/ Il padre di Antonelli: si tratta ma… Notizie del 17 dicembre (aggiornamenti in diretta)

- La Redazione

Ha parlato il papà di Luca Antonelli, confermando che la trattativa tra Napoli e Genoa è in piedi ma deve ancora essere completata. Le parti restano molto vicine

antonelli_gilardino
(INFOPHOTO)

Fatta per Luca Antonelli dal Genoa al Napoli? Se ne parla ormai da settimane e in effetti il più della trattativa sembra definito. In particolare il quotidiano partenopeo Il Mattino ha riportato le cifre dell’accordo: 7 milioni di euro al Grifone e giocatore già soddisfatto per il trasferimento a gennaio. Il sito tuttomercatoweb.com ha intervistato il padre di Antonelli, l’ex attaccante Roberto, che ha dichiarato: “Non è ancora fatta, credo che i due club stiano trattando, è un discorso ancora in piedi ma noi non abbiamo ancora parlato con nessuno. Lui continua ad essere un giocatore del Genoa“. Confermata dunque la trattativa sull’asse Genoa-Napoli, ma per l’ufficialità bisognerà aspettare gennaio. L’affare dovrebbe mettere tutti d’accordo: Antonelli si trasferirà in un club attualmente più prestigioso, il Napoli aggiungerà un terzino puro alla sua retroguardia mentre il Genoa incasserà una buona somma di denaro, probabilmente coprendo la cifra spesa per acquistare il giocatore dal Parma (circa 7 milioni di euro). Inoltre i liguri hanno già in casa il sostituto di Antonelli ovvero Giovanni Marchese.

Sono diversi gli obiettivi per la difesa del Napoli, il reparto della formazione azzurra che appare in effetti maggiormente bisognoso di rinforzi in sede di calciomercato, già a gennaio. I nomi più gettonati sono quelli noti da tempo: fra essi anche quello di Nicolas N’Koulou dell’Olympique Marsiglia. Il 23enne difensore del Camerun, già cercato dalla società del presidente Aurelio De Laurentiis nel corso della scorsa estate, è probabilmente la più valida alternativa a Martin Skrtel e Daniel Agger, che invece risulterebbero particolarmente graditi a Rafa Benitez per via dei comuni trascorsi al Liverpool. Tornando a N’Koulou, però,non sarà facile aggiudicarsi le prestazioni del giocatore del Marsiglia, perché la concorrenza è davvero forte. Questo difensore è uno dei pezzi pregiati del mercato in Francia, dal momento sono tante le squadre che lo seguono e che potrebbero fare offerte già a gennaio. Come scrive France Football, N’Koulou è stato cercato in passato dal Barcellona e ora, oltre al Napoli, il giocatore interessa anche al Bayern Monaco, alla ricerca di un successore dello stagionato Van Buyten. Difficile che N’Koulou parta già a gennaio, comunque il difensore non si sposterà per meno di 20 milioni di euro. Un affare per l’OM, che sotto sotto spera che si scateni un’asta fra le pretendenti.

Il Napoli vuole Xabi Alonso e questo ormai non è più un mistero. Il centrocampista del Real Madrid non ha ancora rinnovato il contratto in scadenza nel 2014 e, soprattutto, non ha ancora fatto sapere al suo club se effettivamente lo farà. Così ora gli azzurri ci sperano: le carte a disposizione dei partenopei, lo scrive anche El Mundo Deportivo, sono la presenza in squadra dei tre ex compagni del centrocampista, ovvero Raul Albiol, Callejon e Higuain, e soprattutto Rafa Benitez, che ha allenato Xabi Alonso a Liverpool vincendo tra le altre cose una Champions League (con lo spagnolo che realizzò il gol del pareggio, sulla ribattuta del calcio di rigore parato d Dida). Ne sapremo qualcosa di più a gennaio: il 31 dicembre scade infatti l’ultimatum che il Real Madrid ha dato ad Alonso. O comunica la sua decisione entro quella data, o sarà ufficialmente messo sul mercato, almeno così dicono le ultime notizie. Vedremo dunque se il Napoli potrà davvero tentare l’affondo per il centrocampista spagnolo e rinforzare così la sua mediana per la seconda parte di stagione.

Daniel Agger è un colpo possibile ma dipenderà dagli investimenti che vorrà effettuare De Laurentiis a gennaio. Ci spiega tutto in esclusiva l’agente Fifa, Maisto.

Sarà un Napoli ancora più forte quello firmato 2014. Lo ha affermato senza mezzi termini il numero uno del club azzurro, il presidente Aurelio De Laurentiis. In occasione della presentazione del suo ultimo film, “Colpi di fortuna”, il patron partenopeo ha accennato anche al mercato di gennaio ormai alle porte, e senza troppi giri di parole, in perfetto “De Laurentiis style”, ha confessato: «Abbiamo avviato un progetto infinito, per restare stabilmente ai grandi livelli, in e nel mondo. Ai napoletani dico di sorridere e di avere fiducia: godetevi questa squadra che crescerà e diventerà negli anni pressochè imbattibile». Sogna in grande De Laurentiis e in previsione gennaio aspettiamoci grandi colpi. Diversi i calciatori accostati alla società campana, a cominciare da Luca Antonelli, terzino sinistro del Genoa ormai ad un passo dal vestire la casacca azzurra. L’accordo con il Genoa c’è da tempo e se tutto andrà come previsto il terzino rossoblu sbarcherà a Castelvolturno in cambio di un assegno da 5/6 milioni di euro più il cartellino di uno a scelta fra Gamberini e Calaiò, entrambi già allo stadio Marassi.

Altro nome caldissimo è quello di Maxime Gonalons. Il 24enne nazionale francese del Lione piace ormai da tempo ai partenopei che già in estate fecero un tentativo di acquisto concreto. Per sbloccare l’operazione bisognerà mettere sul piatto un assegno di almeno 15 milioni di euro, e a quel punto l’operazione sarà tutta in discesa. Novità sono attese anche e soprattutto in difesa. La retroguardia del Napoli è senza dubbio uno dei reparti più deficitari dello scacchiere azzurro e bisognerà obbligatoriamente intervenire per blindarla. Piace moltissimo il nazionale camerunese dell’Olympique Marsiglia, N’Koulou, accostato in passato anche al Milan. I francesi sono disposti a cederlo, in cambio però di un assegno, anche in questo caso, di almeno 15 milioni di euro e non intendono fare sconti. Un “nuovo” Napoli che nascerà sotto la guida naturalmente di Benitez: «Non avevo dubbi su Rafa – ha concluso De Laurentiis -. Ho scelto una persona con grande cultura e coscienza internazionale. Sapevo pure che avremmo cominciato una nuova fase: cambiando 8 calciatori era impossibile fare tutto subito e bene. Con Benitez lavoreremo in maniera costruttiva nei prossimi anni, perché non penso all’oggi, ma al domani. E la nostra certezza, per il presente e il futuro, si chiama Benitez».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori