Calciomercato Napoli/ Santiago Vergini, l’ex meteora del Verona per la difesa di Benitez (esclusiva)

- La Redazione

Secondo indiscrezioni raccolte in esclusiva da IlSussidiario.net, nel mirino del Napoli per quanto riguarda la difesa c’è Santiago Vergini, difensore sudamericano ex Hellas Verona

albiol_fernandez
(INFOPHOTO)

Trovare il difensore centrale giusto da affiancare a Raul Albiol. E’ questa la missione del Napoli per il calciomercato di gennaio, il direttore sportivo Riccardo Bigon vuole puntare su giocatori di livello che possano aiutare la retroguarda a fare il salto di qualità. Nel mirino del Napoli ci sono diversi calciatori, si parla di Agger e Skrtel, difensori del Liverpool che Benitez conosce bene. Ma è difficile che i partenopei possano strappare uno dei due ai Reds perchè sono entrambi titolari. Per questo Bigon sta valutando la situazione di un altro giocatore, un centrale argentino che in Italia è già stato. Secondo indiscrezioni raccolte in esclusiva da IlSussidiario.net. nel mirino del Napoli c’èanche Santiago Vergini, difensore centrale dell’Estudiantes classe 1988, nel giro della Nazionale di Sabella. Un difensore che nell’ultimo anno ha mantenuto un rendimento molto elevato, tanto da attirare le attenzioni di grandi club come Barcellona e Liverpool. E’ un centrale difensivo forte fisicamente, attento in marcatura, con un costo di cartellino di circa 7-8 milioni di euro. Insomma un giocatore adatto per il Napoli. Da segnalare che nella stagione 2010-2011 Vergini giocava titolare nell’Hellas Verona, all’epoca in LegaPro, con cui aveva anche segnato un gol. L’arrivo di Mandorlini in panchina è però coinciso con il periodo peggiore per il difensore sudamericano, che finì prima in panchina e poi in tribuna, optando per l’addio a fine stagione. Ora lo vuole il Napoli per inserirlo accanto ad Albiol e formare una difesa importante. Vergini potrebbe ritornare in Italia cercando di mostrare il proprio talento: da superare però la concorrenza di altri club europei.

(Claudio Ruggieri)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori