CALCIOMERCATO/ Napoli, C.Parisi (ag. FIFA): Damiao non vale Cavani. Vietto? Talentuoso ma… (esclusiva)

- int. Costantino Parisi

In esclusiva a Ilsussidiario.net, Costantino Parisi, agente FIFA esperto di mercato sudamericano, ha parlato di Leandro Damiao e Luciano Vietto, due possibili eredi di Edinson Cavani

damiao_testa_barcellona
Leandro Damiao (infophoto)

Edinson Cavani è entrato di diritto nella classifica dei più grandi calciatori del mondo. Il bomber del Napoli segna quasi sempre ma soprattutto aiuta la squadra in maniera incredibile, tornando in difesa, aiutando il centrocampo rimanendo comunque efficace davanti alla porta avversaria. Il Napoli lo ha blindato con una clausola rescissoria da 63 milioni di euro e ci si chiede da qualche tempo se possa bastare un ostacolo di questo tipo a fermare le pretendenti più ricche. Il Napoli potrebbe perdere il giocatore uruguagio, per questo i dirigenti partenopei vogliono assolutamente trovare l’erede giusto. Si parla molto del centravanti brasiliano Leandro Damiao, bomber dell’Internacional di Porto Alegre nel mirino del Napoli da tempo. Classe 1989, piace molto al Tottenham che ne ha sfiorato l’acquisto nell’ultimo mercato di gennaio. Ma nel mirino di Bigon c’è anche Luciano Vietto, attaccante argentino classe ’93 che gioca nel Racing e da tutti viene già considerato un attaccante di grande livello. Il Napoli dovrà scegliere bene l’erede del Matador. Per capire bene il valore dei due giocatori, Damiao e Vietto abbiamo intervistato Costantino Parisi, agente FIFA ed esperto di calcio sudamericano, in esclusiva a Ilsussidiario.net.

Quanto sarà difficile per il Napoli l’eventuale sostituzione di Cavani? Molto difficile, perché parliamo di uno dei giocatori più forti al mondo. Un attaccante come Cavani si vede raramente in circolazione, lui non segna solamente ma difende, lo vedi in difesa a spazzare la palla. Incredibile come giocatore.

Andrà via dal Napoli secondo lei? Penso proprio di sì, perché sono sicuro che un top team pagherà la clausola rescissoria del giocatore.

Si parla molto di Leandro Damiao come possibile erede di Cavani. E’ il giocatore giusto? Parliamo sicuramente di un ottimo giocatore, di un Nazionale, però non può essere considerato l’erede di Cavani. E’ un giocatore diverso dal Matador, è una punta statica, non farebbe il gioco di Cavani.

E inoltre l’investimento sarebbe notevole… Appunto, si parla di una cifra vicina ai 20 milioni di euro, non uno scherzo. Poi bisognerebbe anche capire come si ambienterebbe il brasiliano nel campionato italiano.

L’alternativa più giovane è Luciano Vietto. Che ne pensa del gioiello del Racing?

Talento è la parola giusta. Si tratta di un giovane di bella prospettiva, non forte fisicamente, che potrebbe in futuro rappresentare un prospetto importante. Ma per adesso non lo vedo ancora pronto.

Ci sono già tanti club su di lui… Sì, la sua quotazione in Argentina è già salita a 6 milioni di euro, ma gli argentini tendono a gonfiare il prezzo. Però è una prima punta molto mobile, che potrebbe avvicinarsi al gioco di Cavani visto che ha maggiore spirito di sacrificio. Però è un ’93, a Napoli si rischierebbe un altro caso Vargas.

A proposito di Vargas, in Sudamerica è ritornato a giocare bene… Purtroppo bisogna anche capire il carattere di un giocatore. Vargas in Sudamerica si esprime benissimo, in Italia non lo ha fatto. Forse è un problema di carattere.

 

(Claudio Ruggieri)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori