PESCARA-NAPOLI/ Venerato: quanti pericoli con gli abruzzesi, Bucchi un guastafeste (esclusiva)

- int. Ciro Venerato

CIRO VENERATO ci presenta l’anticipo di serie A Pescara-Napoli: per gli azzurri fondamentale vincere per consolidare il secondo posto, ma gli abruzzesi vorranno fare bella figura…

insigne_napoli_ritiroR400
Lorenzo Insigne (Infophoto)

Stasera alle 20.45 si giocherà Pescara-Napoli, la sfida tra l’ultima e la seconda del campionato. Gli obiettivi sono opposti: per la squadra di Mazzarri consolidare questo secondo posto che vuol dire Champions League senza preliminari, per quella di Bucchi giocarsi le ultime speranze di rimanere in serie A. Il Napoli sarà privo di Cavani e Behrami, due giocatori fondamentali per questa formazione, e dunque dovrebbe giocare il grande ex Insigne al fianco di Pandev. Partita scontata? Certamente per il Napoli non vincere sarebbe una vera e propria disdetta, ma a giudicare dalle ultime prestazioni del Pescara, vedi il pareggio dell’Olimpico con la Roma, si direbbe che vincere per gli azzurri non sarà così scontato. D’altra parte, proprio il pareggio abruzzese di settimana scorsa dovrebbe evitare ai giocatori del Napoli di prendere sotto gamba l’impegno. Per presentare Pescara-Napoli abbiamo sentito Ciro Venerato, profondo conoscitore di entrambi i club. Eccolo in questa intervista per IlSussidiario.net.

Per gli azzurri una vittoria consoliderebbe il secondo posto? Dovrebbe essere così, perché sulla carta quella col Pescara sarà la partita più abbordabile per il Napoli. Gli azzurri dovranno così sfruttare quest’incontro proprio per consolidare il secondo posto.
Sarà una partita scontata o ci sarà in campo l’orgoglio del Pescara? Attenzione agli abruzzesi, perché solo col Parma ha giocato male. Da quando c’è Bucchi in panchina ha tirato fuori prestazioni importanti come a Roma, con l’Atalanta e col Chievo, quando solo gli errori arbitrali di Mazzoleni hanno decretato la sconfitta della squadra abruzzese.
Come giudica in generale il campionato del Napoli? Molto positivo. La rosa del Napoli non poteva competere con la Juventus e quindi gli azzurri, grazie soprattutto a Cavani e Mazzarri, hanno disputato uno splendido campionato. Era dai tempi di Maradona che gli azzurri non andavano così bene, senza loro due sarebbero da sesto posto.
Cosa succederebbe se andassero via?
I tifosi del Napoli hanno detto in un sondaggio che i personaggi che non vorrebbero lasciare partire sono Mazzarri e Cavani, mettendo il primo davanti al campione uruguaiano.
Mancheranno Cavani e Behrami, quanto peseranno queste assenze?

Sono due giocatori importanti, direi fondamentali per il gioco del Napoli. Credo però che almeno in quest’incontro i sostituti possano fare bene. Bisognerà però che il Napoli giochi con la massima concentrazione. Comunque Mazzarri avrà istruito nel modo migliore i suoi giocatori, in più da Napoli arriveranno 7000 tifosi che sosteranno fino in fondo gli azzurri.

Chi faresti giocare tra Insigne e Calaiò a fianco di Pandev? Senza dubbio Insigne, e credo che giocherà proprio lui.

Il tuo pronostico? Se il Napoli giocherà come è capace vincerà, ma non sarà una goleada. Ci sarà da soffrire in questa partita.

 

(Franco Vittadini)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori