Calciomercato Napoli / Ag. Vitale: nessun contatto con Bigon. Il Torino? Aspettiamo… (esclusiva)

- int. Luca Urbani

In esclusiva a Ilsussidiario.net, Luca Urbani, agente FIFA e procuratore di Luigi Vitale, ha parlato del futuro del venticinquenne terzino della Ternana, di proprietà del Napoli

Vitale_R400
Vitale (infophoto)

39 presenze e 10 gol (più assist) sono sempre un bel biglietto da visita per un terzino sinistro. Anche se scritto in serie B: i numeri sono di Luigi Vitale, mancino classe 1987 cresciuto nel Napoli, e ceduto dai partenopei alla Ternana, in prestito con diritto di riscatto della metà. Nella stagione appena conclusa Vitale è stato uno dei segreti della Ternana, che da neopromossa in serie cadetta ha raggiunto una salvezza relativamente tranquilla. Per un ragguaglio sul futuro di Luigi Vitale, che un contratto con il Napoli fino al 2014, ilsussidiario.net ha intervistato in esclusiva il suo procuratore, l’agente FIFA Luca Urbani

Il Torino sembra molto interessato a Vitale. E’ vera questa notizia? Il Torino ha avuto modo di osservare il giocatore durante questo grande campionato. Ma il suo futuro dipenderà da Napoli e Ternana. La Ternana ha la possibilità di riscattare la metà del cartellino del giocatore, solo dopo si potrà affrontare ogni discorso. Per il momento tutto tace.

Il giocatore andrebbe volentieri a Torino? Si tratta di una grande piazza, sarebbe davvero una possibilità importante per Luigi che si è tolto grandi soddisfazioni a Terni.

A Napoli intanto è arrivato Benitez, che ha sempre puntato sui giovani… Benitez è sicuramente un tecnico importante, però da parte del Napoli non è arrivata nessuna comunicazione in merito al futuro di Vitale.

Il giocatore come vive questa situazione? La vive bene, ora è in vacanza per riposarsi un po’, dopo tornerà e capiremo bene la sua situazione.

Non solo Torino sul ragazzo immaginiamo… Dopo la stagione a Terni, che è stata molto positiva e non solo a livello numerico, ci sono diverse squadre interessate a Vitale. Ma per il momento aspettiamo.

(Claudio Ruggieri)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori