Calciomercato Napoli/ News, ag.Neto: Benitez un motivo in più. A giugno? Tutto da vedere…(esclusiva)

- int. Bruno Carvalho

In esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente del difensore Luis Neto parla del presunto interesse del Napoli nei confronti del suo assistito. L’ex centrale del Siena gioca nello Zenit

miranda_neto
Miranda, difensore brasiliano (Infophoto)

Rafa Benitez non pensa soltanto a questa stagione, il manager spagnolo sta già progettando qualche colpo di calciomercato in vista della prossima annata. Benitez vorrebbe potenziare la difesa, forse il vero tallone d’Achille della rosa partenopea. Tanti i giocatori che sono nel mirino e uno di questi è una vecchia conoscenza del calcio italiano: Luis Neto, difensore portoghese classe ’88 che gioca nello Zenit San Pietroburgo di Spalletti, prelevato per 6,5 milioni di euro dal Siena un anno fa. In esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente del giocatore, Bruno Carvalho, ha parlato del futuro del centrale portoghese.

Il Napoli continua a seguire Neto. Ha avuto modo di parlare con i dirigenti del club partenopeo? In passato c’è stato più di qualche contatto, oggi sinceramente no.

Neto ha lasciato un ottimo ricordo in Italia… Esatto, lui a Siena ha fatto benissimo ed è stato il trampolino di lancio per arrivare allo Zenit. Molte italiane a gennaio hanno pensato a lui ma lo Zenit ha preferito trattenerlo in rosa.

Potrebbe andare via a giugno? E’ tutto da vedere, dipenderà dallo Zenit, il ragazzo ha un contratto fino al 2017 ma ripeto, tutto può succedere nel calcio.

Fa piacere essere accostati a un grande club come il Napoli? Faceva già piacere in passato, figuriamoci ora che il Napoli è tornato un club di grandissimo livello, tra i migliori in Europa. E poi c’è Benitez.

Il tecnico spagnolo sembra stimare molto Neto… Per noi è sicuramente un piacere leggere queste cose, Benitez è un grande allenatore. Ora però il ragazzo è molto concentrato sul match di Champions League contro il Borussia Dortmund in programma la prossima settimana.

(Claudio Ruggieri)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori