Ranieri: “Lazio-Atalanta come Lazio-Inter? Si scansarono”/ Analisi disciplinare FIGC?

- Carmine Massimo Balsamo

Ranieri su Lazio Atalanta: “Come Lazio Inter 2009? Biancocelesti si scansarono”. Ira del club di Lotito: “Intervenga la FIGC”.

ranieri lazio atalanta lazio inter 2009
Striscione Lazio Inter del 2009

Claudio Ranieri su Lazio Atalanta come Lazio Inter del 2009: il tecnico della Roma finisce nella bufera. Il club giallorosso è atteso dall’ostica trasferta del Marassi contro il Genoa e, in conferenza stampa, ha fatto il punto della situazione sulla corsa al quarto posto che vede la Lupa avversaria della Dea. Un giornalista ha ricordato a sir Claudio quanto accaduto nella stagione 2009/2010, con la formazione di Josè Mourinho che ottenne i tre punti nella volata finale per lo scudetto e con i tifosi visibilmente contenti del trionfo nerazzurro. Celebre e beffardo lo striscione innalzato dalla Curva Nord nel finale di partita: «Oh Noooo», la scritta ironica per la sconfitta patita da Fernando Muslera e compagni. E secondo Ranieri la Lazio in quell’occasione «si scansò»

RANIERI: “LAZIO ATALANTA COME LAZIO INTER? LI’ SI SCANSARONO!”

Negli scorsi giorni nella Capitale si è parlato di un possibile scenario simile seppur in circostanze diverse: Roma e Atalanta sono in corsa per il quarto posto che vorrebbe dire qualificazione alla prossima Champions League, con la Lazio che potrebbe «scansarsi» per fare un dispetto ai cugini giallorossi. «Così è stato, così fu» le parole del tecnico giallorosso, che ha poi sottolineato: «Io devo pensare a giocare, sono sempre stato leale e per me questo è importante. Al resto ci penserà la Lega». Ira da casa Lazio, con il portavoce del club Arturo Diaconale che ha attaccato: «Credo che su queste dichiarazioni di Ranieri debba intervenire la Lega dato che si tratta di affermazioni gravi e pesanti. Il tifoso può dire quello che vuole mentre la persona responsabile deve compiere dichiarazioni che siano suffragate da prove altrimenti diventa tutto esclusivamente offensivo verso una squadra e una società che non lo merita. L’allenatore che mischia i due ruoli e effettua dichiarazioni da tifoso e non da dirigente responsabile credo che sia un fatto di cui debba occuparsi la Lega. Non possiamo accettare epiteti di un certo genere che non ci meritiamo. Dichiarazioni frutto di una mentalità che porta a preparare la gara di domenica facendola giocare al massimo delle forze, ma questo non vi era bisogno di sottolinearlo. La Lazio farà la propria parte giocando al 100% e disputando una grande gara contro l’Atalanta, i cugini stiano tranquilli e pensino a quello che devono fare loro», riporta La Gazzetta dello Sport.



© RIPRODUZIONE RISERVATA