CALCIOMERCATO / Lazio, Milevsky per l’attacco?

La punta ucraina piace al presidente Lotito, ma costa oltre 10 milioni di euro. Se arrivasse la qualificazione in Champions però l’affare potrebbe andare in porto

17.03.2011 - La Redazione
lotito_R375x255_03mar09
Lotito patron biancoceleste (Foto Ansa)

Artem Milevskiy è nel mirino della Lazio. Il presidente Lotito è convinto che ai biancocelesti serva un attaccante di qualità in più in rosa per competere ad alto livello. A maggior ragione se dovesse arrivare la qualificazione alla prossima Champions League.

E allora ecco che a Igli Tare e agli altri uomini mercato della Lazio è venuto in mente Milevskiy, attualmente alla Dinamo Kiev, squadra che lo ha lanciato nel calcio che conta e nel quale è tornato dopo una breve e sfortunata esperienza a Marsiglia. Non propriamente un bomber, ma una punta molto versatile e con buoni colpi sì.

“Artem è attualmente fra i migliori attaccanti dell’Europa League – ha spegato l’agente Aston Astajev in esclusiva a Lalaziosiamonoi.it – ed è stato contattato da Newcastle e Liverpool, ma il giocatore ha rifiutato questi club, perché sogna l’Italia e la Spagna”.

Tre anni fa si era mosso addirittura il Milan per Milevskiy. “Il club rossonero voleva portare Milevskiy a Milano, ma il patron della Dinamo Kiev disse di no”. Il motivo è semplice: Milevskiy costa più di 10 milioni di euro. E il suo salario si aggira sui 2 milioni all’anno. Tanto per la Lazio, anche se Lotito ha già chiesto informazioni.

CLICCA QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE DI LAZIO E MILEVSKIY

“La Lazio? Per ora non ci ho parlato personalmente, anche se so attraverso degli intermediari che si è interessata al giocatore – continua Astajev -. Lo ripeto, c’è la volontà da parte nostra di abbracciare il campionato italiano”.

 

Molto dipenderà dalla Champions League. Se la Lazio entrerà nel lotto delle squadre partecipanti, allora l’affare può essere possibile. Altrimenti sarebbe davvero difficile pensare che Lotito sganci cifre così alte per Milevsky.

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori