CALCIOMERCATO/ Lazio, smentito ritorno di Zarate, Sculli ritorna al Genoa

- La Redazione

L’attaccante ha fatto ritorno al suo ex-club, come comunicato dallo stesso Grifone. Il ds Tare ha smentito che Mauro Zarate possa rientrare in anticipo dal prestito all’Inter.

giuseppe_sculli_r400
Giuseppe Sculli (Infophoto)

Beppe Sculli torna al Genoa, Mauro Zarate non torna alla Lazio. Si può riassumere così la giornata di mercato del club biancoceleste, almeno alla voce ‘attaccanti’. E’ cosa fatta, innanzitutto, il rientro di Sculli tra le fila del Grifone, come ha comunicato il club rossoblù sul proprio sito ufficiale. L’accordo, si legge, è stato raggiunto, ora mancano solamente le ultime formalità burocratiche prima di dare per concluso il trasferimento. Il calabrese ha voluto ringraziare “la Lazio e il presidente Preziosi per l’opportunità”. Da parte sua, grande entusiasmo e grande commozione per quella che è una nuova, fondamentale sfida della sua carriera, “come se arrivassi qui per la prima volta”. E invece Sculli ha già servito a lungo la causa genoana, esattamente dal 2006 al 2011. “Questa è casa mia”, sottolinea il giocatore, che evidenzia una singolare coincidenza: “Me ne ero andato il 18 gennaio di un anno fa, ritorno il 18 gennaio dodici mesi dopo”. E a chi gli chiede se è pronto per giocare già domenica, risponde così: “Vediamo quel che succede, decide il tecnico”. Un tecnico, Claudio Ranieri, ha deciso il destino di Mauro Zarate: l’argentino è fuori dall’Inter, perchè non si impegna, non ci mette la lucidità necessaria, ha troppi cali di concentrazione per stare in una big. Sbagliato, è il mister che si è comportato male con lui, ha fatto sapere il fratello-agente di Maurito. Che più volte è stato accostato alla Lazio, che mantiene tuttora la proprietà del suo cartellino. Anche qui si concretizzerà il gran ritorno? Pare proprio di no, almeno stando a sentire il direttore sportivo biancoceleste Igli Tare, che, intervistato da FcInterNews, ha smentito seccamente l’ipotesi. Due sono le possibili soluzioni, a questo punto. O Zarate rimane fino a giugno a Milano, con tutto quel che ne consegue (a cominciare dalla sua quasi certa svalutazione, che Lotito teme, giustamente, moltissimo), oppure per lui potrebbe affacciarsi l’opzione Inghilterra. Secondo il sito TalkSport, pare che Mark Hughes, tecnico dei londinesi del Queens Park Rangers, lo stimi moltissimo e sarebbe pronto ad accoglierlo a braccia aperte.

Non solo l’ex-club di Briatore, ma anche il Bolton vorrebbe l’attaccante argentino, che la Premier la conosce per aver militato nel Birmingham.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori