SIENA-LAZIO/ Probabili formazioni e ultime notizie (diciassettesima giornata Serie A)

- La Redazione

Le due squadre scenderanno in campo domani alle ore 18. Reja teme la lunga inattività, mentre Sannino avverte: alle assenze non verrà dato alcun peso…

edy_reja_r400
Edy Reja, tecnico Lazio (Foto Infophoto)

Si ricomincia. Toccherà domani (ore 18) a Siena e Lazio inaugurare il 2012 del calcio italiano. Si gioca per la diciassettesima giornata del girone di andata. Edy Reja teme che la lunga sosta – di circa due settimane – abbia svuotato i suoi. Il tecnico goriziano, nella consueta conferenza del prepartita, ha messo in guardia la squadra dal rischio di non affrontare nel modo giusto l’appuntamento: “Quando si riprende, non hai più l’abitudine alle gare”. Se non altro, fa notare, il riposo è servito “soprattutto per l’aspetto mentale e nervoso”. Occhio, avverte, al Siena, “una squadra aggressiva”. I biancocelesti, secondo Reja, dovranno sfruttare al meglio gli spazi lasciati dagli avversari. Che si presentano alla ripresa con qualche problema di formazione: Sannino, infatti, deve fare a meno di ben cinque elementi, ovvero il portiere Brkic, l’argentino Larrondo, capitan Vergassola e i due squalificati D’Agostino e Vitiello. Il mister, però, non vuole alibi. Conta soprattutto “il modo di pensare della squadra”, ha spiegato. Basterà “interpretare la partita nel modo giusto”. Da parte sua, massima stima nei confronti di una Lazio piena di grandi giocatori, “costruita per obiettivi prestigiosi”. La differenza dovranno farla le motivazioni. Certo, a guardare la classifica non ci sarebbe storia. Gli aquilotti hanno 30 punti, esattamente il doppio rispetto ai rivali: “Se abbiamo 15 punti, vuol dire che sono quelli che ci meritiamo”, è il ragionamento di Sannino, che ammette, però, di avere qualche rimpianto “per qualche punto perso malamente”. La speranza è che, alla fine, tutto si compensi. Capitolo formazioni. Entrambe le squadre scenderanno in campo con il modulo 4-4-2. I toscani presenteranno Calaiò-Destro come tandem offensivo, con Bolzoni in cabina di regia e Pegolo tra i pali. Come esterno alto a sinistra ci sarà Brienza, che avrà il compito di appoggiare gli attaccanti in fase attiva. Sull’altro fronte, toccherà a Bizzarri sostituire Marchetti, ancora non al meglio. La difesa laziale vedrà l’utilizzo di Scaloni a destra e Stankevicius al centro, mentre a metà campo saranno Sculli e Lulic i laterali, con Cana ad affiancare Ledesma. Nuova chance per Djibril Cisse, che affiancherà dal primo minuto l’intoccabile Klose. Hernanes, convocato, dovrebbe accomodarsi solo in panchina.

 

 

Siena (4-4-2): Pegolo; Angelo, Rossettini, Terzi, Del Grosso; Mannini, Bolzoni, Gazzi, Brienza; Calaiò, Destro. All.: Sannino

 

A disp.: Farelli, Contini, Rossi, Grossi, Codrea, Reginaldo, Gonzalez.

 

Squalificati: Vitiello, D’Agostino (1)

 

Indisponibili: Brkic, Vergassola, Larrondo

 

Lazio (4-4-2): Bizzarri; Scaloni, Stankevicius, Biava, Radu; Sculli, Cana, Ledesma, Lulic; Klose, Cisse. All.: Reja

 

A disp.: Carrizo, Dias, Diakitè, Del Nero, Gonzalez, Hernanes, Rocchi.

 

Squalificati: nessuno

 

Indisponibili: Marchetti, Konko, Matuzalem, Mauri, Brocchi, Makinwa, Kozak

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori