CALCIOMERCATO/ Lazio, per Diakitè nessuna novità in vista. In entrata spunta Zuber

- La Redazione

L’agente di Mobido Diakite ha fatto oggi il punto sui rapporti tra il suo assistito e la Lazio: l’addio a gennaio appare sempre più probabile. In entrata invece spunta lo svizzero Zuber.

modibo_diakite_r400
Foto Infophoto

Ancora nessuna novità sul futuro di Modibo Diakitè. Il difensore francese, di passaporto maliano, non ha mai visto il campo in questa stagione ed è al centro dell’attenzione per il calciomercato di gennaio della Lazio. La colpa di questa prolungata assenza va alla polemica contrattuale con la società, che ha deciso di usare il pugno duro con lui, dopo i vari no al prolungamento dell’attuale contratto (che scadrà nella prossima estate). Le ultime indiscrezioni vorrebbero sulle sue tracce il Milan, una destinazione che sulla carta dovrebbe essere molto gradita al giocatore, che tempo addietro aveva fatto capire di essere disposto a muoversi soltanto per una delle tre big tradizionali del nostro calcio. Il suo procuratore Ulisse Savini, intervistato in esclusiva da lalaziosiamonoi.it, ha spiegato che la situazione è ancora “un po’ bloccata. Altre squadre? Non ci stiamo guardando intorno”. Al momento, oltretutto, Diakitè è infortunato, quindi potrà mettersi eventualmente a disposizione di mister Petkovic soltanto “tra 13 giorni”. Ovviamente, se società e allenatore continueranno ad ignorare il ragazzo, appare scontato il divorzio, forse già a partire dalla sessione invernale di calciomercato: “Se sarà considerato sarà un bene, al contrario a gennaio vedremo”. La Lazio, nel frattempo, non è rimasta con le mani in mano e nell’ultima fase del mercato agostano ha preso un altro difensore francese, Ciani, che ha fatto molto bene al suo esordio, risultando però poi tra i più deludenti contro il Napoli al San Paolo. La società, comunque, si fida di lui: l’ex Bordeaux, dunque, avrà tutto il tempo per rifarsi. In entrata, intanto, è da segnalare l’interesse del presidente Lotito per l’esterno offensivo svizzero Steven Zuber, anch’egli assistito da Savini. L’agente lo ha definito come “un giocatore di grande corsa, ma anche molto tecnico”, simile, per caratteristiche, ad un Foggia o ad uno Zarate (forse più al primo per il modo di stare in campo). Il ragazzo, classe 1991, milita in patria, tra le fila del Grasshoppers, ed è un punto fermo dell’Under 21 elvetica. Può disimpegnarsi sia da ala destra che da ala sinistra ed è molto dotato nel dribbling. In Svizzera viene considerato un talento di sicuro avvenire, e per la Lazio potrebbe essere un ottimo affare.

Visto il modulo utilizzato ultimamente da Petkovic (allenatore che arriva appunto dal calcio rossocrociato), Zuber potrebbe giocare largo sulla fascia, a destra o a sinistra, con Mauri o Candreva dall’altra parte. Con Hernanes e il ritrovato Ederson – che ieri ha messo a segno il suo primo gol in biancoceleste –, poi, gli assist per un bomber come Klose non dovrebbero proprio mancare.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori