CALCIOMERCATO/ Lazio, il fratello di Zarate: nessun problema con Petkovic

Parla il fratello-agente di ‘Maurito’, escludendo che ci siano problemi con la società e con l’allenatore. L’ultima esclusione dai convocati, comunque, ha fatto molto rumore…

10.10.2012 - La Redazione
mauro_zarate_lazio_r400
Zarate (infophoto)

La Lazio sta vivendo un caso Zarate. L’esclusione dell’argentino dalla lista dei convocati per il match di Pescara ha fatto molto rumore nell’ambiente biancoceleste. Il tecnico Vladimir Petkovic ha voluto in qualche modo punire l’argentino, reo a suo dire di essersi impegnato poco negli ultimi allenamenti; provvedimento che non è certo una novità assoluta, anche perchè sta comunque all’allenatore valutare il lavoro svolto in settimana e decidere di conseguenza. L’esclusione però arriva dopo un periodo in cui Zarate non è mai stato al centro del progetto Lazio, e quindi non si può che tornare a parlare di uno scarso feeling con Petkovic e con l’ambiente. Una bocciatura tecnico-disciplinare definitiva? Difficile da digerire per ‘Maurito’ se fosse così: sognava di vivere una seconda esperienza laziale ben diversa, nella stagione passata all’Inter aveva sempre detto che gli sarebbe piaciuto tornare a Formello per essere ancora protagonista come nel suo primo anno in Italia. Interpellato sul difficile momento vissuto dal ragazzo, il fratello Sergio ha assicurato che non esiste alcun caso: “Non ho sentito Mauro dopo Pescara, ma posso assicurare che non ci sono problemi tra lui e l’allenatore, e nemmeno con la società”, le sue parole a Radio Manà Manà Sport. All’attaccante argentino, dunque, non resta che mettersi a sgobbare per recuperare il terreno perduto. Petkovic è stato chiaro: nessuna preclusione verso nessuno, ma solo la giusta meritocrazia. Chi si impegna a fondo, insomma, viene premiato con una maglia da titolare, in caso contrario non c’è trippa per gatti. Il tecnico bosniaco aveva schierato Zarate dal primo minuto nel recente match con il Genoa, ma il discusso ‘puntero’ non rispose presente, tutt’altro. Da lì una nuova sequela di panchine e bocciature, culminate poi con l’esclusione di Pescara. Peraltro, la Lazio sta giocando in maniera molto brillante, con una formula tattica che prevede una sola punta pura – Klose – e un nugolo di centrocampisti offensivi alle sue spalle (Hernanes, Mauri, Candreva). Anche tatticamente, quindi, non sarà affatto facile per il ‘Pibe di Haedo’ riprendersi il posto in squadra. Alla ripresa degli allenamenti, i tifosi presenti a Formello hanno provato a consolarlo, dopo le amarezze calcistiche e la brutta esperienza del furto nella sua villa all’Olgiata. Zarate ha promesso il massimo impegno per aiutare la Lazio, ed ora starà soltanto a lui tradurre le parole in fatti. Certo, se la situazione non dovesse cambiare da qui a dicembre, non è da escludere un nuovo divorzio…

… nel corso del mercato di riparazione. La società biancoceleste ha sempre considerato il ragazzo come un proprio patrimonio, da tutelare e valorizzare, anche da un punto di vista economico. Se però nelle prossime settimane le risposte del giocatore sul piano dell’impegno…non dovessero essere soddisfacenti, allora ecco che potrebbe profilarsi un addio, magari in prestito. O forse a titolo definitivo, stavolta, dopo che nemmeno la parentesi all’Inter è servito a rigenerarlo. Dipenderà tutto dal lunatico ‘Maurito’.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori