CALCIOMERCATO/ Lazio, Lotito blinda Lulic: pronto il prolungamento del contratto

L’esterno biancoceleste sta per essere premiato con il prolungamento del contratto per altri due anni. Un giusto riconoscimento per un giocatore da subito impostosi sul nostro palcoscenico.

11.10.2012 - La Redazione
senad_lulic_r400
Senad Lulic (Infophoto)

Stanno per rinnovare il loro rapporto la Lazio e Senad Lulic. Il club biancoceleste, infatti, ha intenzione di prolungare quanto prima il contratto dell’esterno classe 1986 di nazionalità bosniaca (ma di passaporto svizzero). Le ottime prestazioni fornite lo scorso anno, il primo per lui in serie A, hanno convinto il presidente Claudio Lotito a premiare il ragazzo, che la scorsa estate è stato accostato a club del calibro di Chelsea e Bayern Monaco: meglio correre ai ripari, Lulic nello scacchiere di Petkovic è un elemento importante potendo ricoprire più ruolo (esterno basso o alto, all’occorrenza addirittura terzo di un tridente). Il jolly nativo di Mostar verrà presto blindato dagli aquilotti, che hanno intenzione di sottoporgli un prolungamento biennale (fino al 2018) dell’attuale contratto, in scadenza nel 2016. Con il rinnovo, come evidenziato dal Corriere dello Sport, arriverà anche un adeguamento economico, che è uno degli obiettivi dell’entourage di Lulic, capitanato dall’agente Kevin Fioranelli. L’attuale ingaggio è di circa 750mila euro a stagione, ritenuti inferiori rispetto alle prestazioni fornite sul campo. Costato 2,8 milioni di euro (versati nelle casse dello Young Boys), ora Lulic ne vale almeno 10-12. Cifra che ad ogni modo non sarà incassata, nonostante possa consentire un’ottima plusvalenza: il giocatore non è in vendita. Al contrario, Lotito è fermamente determinato a trattenere a Roma il laterale. Quest’anno, va detto, Lulic non è partito fortissimo. Per la verità, accadde lo stesso lo scorso anno, ma allora il bosniaco dovette pagare lo scotto (fisiologico) dell’ambientamento in una realtà tutta nuova. Adesso non è più così, ma sono sorti altri problemi. Intanto quello di una condizione fisica e atletica non ottimale, poi il fatto di giocare in uno schieramento che non lo valorizza del tutto. Lo scorso anno infatti Lulic giocava terzino sinistro ma con un centrocampo a tre, dunque poteva coprire tutta la fascia e mettendo in mostra le sue doti di cursore. Nella nuova Lazio invece si trova davanti un altro esterno, perchè il modulo è il : di conseguenza, lo spazio per le folate offensive è limitato. Petkovic però lo ha avuto allo Young Boys e lo conosce bene (di fatto è stato Lulic a consigliare il suo ex tecnico a Lotito e Tare); sicuramente saprà tirare fuori il meglio da lui. Interpellato sugli obiettivi stagionali, il numero 19 biancoceleste, dal ritiro della Bosnia, si è detto convinto che questa Lazio potrà fare grandi cose grazie alla forza del gruppo, che contribuisce a farlo sentire molto apprezzato.

Insomma, tra il giocatore e il club c’è una fortissima stima reciproca, un elemento fondamentale per provare a cogliere grandi successi. La Lazio è terza in campionato con 15 punti e rimane a contatto delle prime: ci sono tutti gli elementi per un’altra grande stagione, e Lulic è pronto a dare il suo contributo, galvanizzato dalla fiducia di cui gode.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori