PAGELLE/ Lazio-Maribor 1-0 (Europa League 2012/2013): i voti della partita (seconda giornata gruppo J)

- La Redazione

Ecco le pagelle con tutti i voti della partita Lazio-Maribor, valida per la seconda giornata del gruppo J della Europa League e che è finita con il punteggio di 1-0 con gol di Ederson.

Petkovic_Lazio
(INFOPHOTO)

La Lazio vince per 1-0 contro il Maribor allo stadio Olimpico nella seconda giornata del gruppo J di Europa League grazie alla rete messa a segno da Ederson nella ripresa dopo una respinta del portiere su tiro di Floccari. Pochi minuti dopo Hernanes ha sbagliato un rigore, deviato da Handanovic (cugino dell’estremo difensore dell’Inter) sul palo. Tre punti importanti per i biancocelesti, che ora guidano la classifica del girone.
partita globalmente piacevole, e di questo bisogna dare i giusti meriti anche agli sloveni, che hanno sempre lottato a viso aperto, ribattendo colpo su colpo alle iniziative dei padroni di casa. Per la Lazio dunque non è stata una vittoria semplice, ma ciò dà ancora più valore ai tre punti conquistati. Le emozioni non sono mancate: gol, rigore, espulsione, pali e traverse.
nel primo tempo forse non si aspettava un Maribor così ostico, ma comunque colpisce due pali e segna un gol annullato per fuorigioco. Nella ripresa un po’ meglio, anche se doveva evitare di soffrire così tanto nei minuti finali. Candreva e Floccari sugli scudi.
 complimenti agli sloveni. Il 3-0 conquistato contro il Panathinaikos nella prima giornata non era un caso: questa squadra lotterà fino alla fine per la qualificazione. Crea diverse occasioni, non dà mai vita facile alla Lazio e pure nel finale – in inferiorità numerica – mette i brividi ai biancocelesti.
 le decisioni principali sono ineccepibili, anche se non difficilissime. Gol annullato ad Ederson, rigore ed espulsione: tutto ok.

Bizzarri 6.5: alcune parate non facili, specie nel primo tempo. Dà sempre sicurezza. 
Konko 6: non eccede in scorribande sulla corsia. Come si suol dire, si limita all’ordinaria amministrazione. 
Ciani 6: il Maribor lo fa lavorare eccome. Tutto sommato se la cava, anche se forse con qualche sofferenza di troppo.
Dias 6.5: controlla tutto al meglio. Leader del reparto come sempre: in difesa comanda lui.
Cavanda 6.5: buona corsa; è sempre molto attivo, e cerca di fare al meglio entrambe le fasi. Promosso.
Candreva 7: cerca il tiro da più posizioni: non è fortunato con un palo e un incrocio, ma è un pericolo costante. L’interpretazione della partita è perfetta perchè è sempre nel vivo del gioco ma aiuta molto anche in fase di ripiego.

Cana 6: lavoro prezioso a centrocampo. Compie appieno il proprio dovere.

Hernanes 5.5: il Profeta non elargisce troppe “profezie” oggi. Va un po’ a sprazzi, anche se alla fine il gol nasce da una sua intuizione. Se segnasse il rigore, basterebbe per la sufficienza. Invece…

Gonzales 6: molta corsa. Anche lui (come Cana) deve fare il lavoro sporco, visto che poi ci sono Hernanes ed Ederson. (Zarate sv).
Ederson 6.5: seconda partita, secondo gol. L’inserimento è perfetto, così come qualche altra giocata. Anche lui come Hernanes va ad intermittenza, ma quando si accende fa male davvero. (Onazi 6 – Venti minuti di buona quantità per portare a casa la vittoria).
Floccari 6.5: grande lavoro di boa. Ha voglia di scalare posizioni nella gerarchia di Petkovic e si vede. Buona parte del gol è merito suo. (Kozak sv).
All. Petkovic 6: la squadra è forse un po’ sorpresa dagli avversari, e non riesce mai del tutto a governare la partita, nemmeno nel finale in 11 contro 10.

Handanovic 7: sempre sicuro. Molte buone parate, e pure sul gol cede solo al secondo tentativo. Come il cugino, para i rigori. Vizio di famiglia?
Milec 6: prestazione dignitosa, da onesto terzino quale è.
Rajcevic 6.5: bella prestazione del centrale della retroguardia. La Lazio non ha vita facile.

Vidovic 6: meno “appariscente” del compagno, ma il suo lo fa. Si sacrifica sul rigore, e col senno di poi fa anche bene, visto che Hernanes lo sbaglia.
Mejac 6: come si diceva una volta, “senza infamia e senza lode”.
Ibraimi 6.5: uno dei più attivi e pericolosi. Un tipetto niente male, che si rende pure pericoloso.
Filipovic 6,5: molto pericoloso in avvio, poi una prestazione con buona quantità ed altrettanta qualità.

Mertelj 5,5: lui invece si fa vedere poco. Nulla di significativo da segnalare.
Cvijanovic 6,5: ottimo nel primo tempo, una spina nel fianco per i biancocelesti. Cala un po’ nella ripresa, ma resta una bella impressione. (Komazec sv).
Tavares 5,5: doveva essere l’elemento di spicco, invece non riesce a pungere. Chissà, se fosse stato in serata… (Mezga 6 – Nulla di memorabile, ma fa meglio del più quotato compagno).
Beric 6: niente di eccezionale, ma contribuisce anche lui a fare bella figura.
All. Milanic 7: se la sua squadra fa così bene, il merito va certamente anche all’allenatore.

 

(Mauro Mantegazza)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori