PROBABILI FORMAZIONI/ Lazio-Roma: ultime notizie (serie A dodicesima giornata)

Le probabili formazioni di Lazio-Roma, attesissimo derby della Capitale, valido per la dodicesima giornata di serie A. Di fronte due squadre discontinue e un po’ matte…

11.11.2012 - La Redazione
Derby
Striscione dei tifosi della Roma (Infophoto)

Ci siamo, è il giorno del derby di Roma. Il più sentito di tutti secondo Arrigo Sacchi, che ne ha parlato in una recente intervista, ammettendo un po’ di rammarico per non averlo mai vissuto in prima persona nella sua lunga carriera. Siamo alla dodicesima giornata, e le due contendenti, Lazio e Roma, non hanno ancora trovato la necessaria continuità di rendimento. I biancocelesti si sono rifatti in Europa League dopo la batosta di Catania, ma in campionato serve un altro passo per puntare alle primissime posizioni. Lo stesso, e in misura ancor maggiore, vale per la Roma, staccata di due punti rispetto ai ‘cugini-rivali’, e tuttora alla ricerca della quadratura del cerchio. Una cosa, però, è certa: visto il significato di questa gara nella Capitale e vista la presenza in campo di tanti campioni, non mancheranno le emozioni, oggi pomeriggio allo stadio Olimpico. E che vinca il migliore.

Vladimir Petkovic, in conferenza-stampa, ha definito la sua prima stracittadina da allenatore biancoceleste come “una finale di coppa, anche se vale sempre tre punti”. Fin dal suo arrivo, il bosniaco ha capito subito l’importanza di questa sfida, a cui gli avversari, a suo giudizio, arrivano più riposati. I giallorossi, naturalmente, non hanno avuto l’impegno infrasettimanale come la Lazio, che ha giocato (e vinto) giovedì in Europa League contro i greci del Panathinaikos. Da parte dello sportivissimo Petkovic, intenzionato a vincere a tutti i costi, sono arrivati sentiti elogi al collega Zeman: “E’ una leggenda in Italia, è una persona ed un allenatore valido”. Sul derby dice: “Li ho vissuti tra Young Boys e Basilea anche se un po’ diversi: non ci sono mai favoriti. Dovremo essere bravi a sfruttare le palle inattive”. Confermato il modulo 4-5-1, imperniato sul bomber Miroslav Klose, che conta già due successi di fila nel derby. A sostegno dell’amuleto tedesco ci sarà la qualità di Candreva, Hernanes e Mauri, schierati a metà campo assieme agli incontristi Ledesma e Gonzalez. Davanti al portiere Marchetti, la difesa a quattro sarà formata da Konko, Biava, Andrè Dias e Lulic, quest’ultimo confermato in posizione più arretrata rispetto alle sue normali attitudini da esterno alto. Vanno in campo i migliori: per la prima volta giovedi Petkovic ha attuato un turnover massiccio, proprio in previsione di questa partita.

A disposizione i portieri Bizzarri e Carrizo, i difensori Scaloni, Ciani e Radu, i centrocampisti Brocchi, Cana e Onazi, le punte Kozak (bomber di Coppa), Floccari, Rocchi e Zarate. Molte scelte per mister Petkovic, soprattutto, come si vede, nel reparto avanzato, particolarmente ricco di opzioni alternative.

Un solo assente tra le fila biancocelesti, ovvero il brasiliano Ederson, tuttora alle prese con i suoi acciacchi fisici. Ancora da valutare i tempi di recupero dell’ex Lione, che comunque non dovrebbero essere lunghi.

Nella conferenza della vigilia, Zdenek Zeman ha tracciato un parallelismo tra la sua passata esperienza alla Lazio e quella sulla panchina giallorossa: “Qui c’è una tifoseria più appassionata, alla nostra prima amcihevole erano in 40mila, con la Lazio erano 500, c’è differenza”. La sua Roma sembra ancora una squadra da lavori in corso, tanto che finora, dice, non c’è stata una partita da prendere a modello: “Spero lo sia quella di domani (oggi, ndr) del derby, ci serve trovare maggiore continuità nell’arco dei 90 minuti”. Questa la probabile formazione titolare: in porta confermato l’uruguagio Goicoechea, in difesa spazio a Piris, Burdisso, Marquinhos e Balzaretti. Non gioca Castan: finora sempre titolare, il centrale ex Corinthians dovrebbe osservare un turno di riposo perchè Zeman teme la velocità degli attaccanti della Lazio, dunque vuole un difensore più rapido nel breve come Burdisso. Centrocampo formato da De Rossi e Florenzi come intermedi, con Tachtsidis come play basso – il greco è in ballottaggio con Bradley che potrebbe spuntarla anche per la maggiore esperienza – davanti il tridente delle meraviglie Lamela-Osvaldo-Totti.

A disposizione il portiere Svedkauskas, i difensori Leandro Castan, Romagnoli e Dodò, il jolly di fascia Taddei, i centrocampisti Bradley, Perrotta, Marquinho e Pjanic, la punta Nico Lopez. Molte scelte, soprattutto a centrocampo, per i giallorossi.

Zeman deve rinunciare sia a Stekelenburg che a Lobont, entrambi acciaccati e per questo non convocati, oltre allo squalificato Mattia Destro. Assenze pesanti, che privano il boemo di importanti alternative in porta e in attacco.

 

 

Marchetti; Konko, Biava, Dias, Lulic; Candreva, Gonzalez, Ledesma, Hernanes, Mauri; Klose. All.: Petkovic

A disp.: Bizzarri, Carrizo, Scaloni, Ciani, Radu, Brocchi, Cana, Onazi, Kozak, Floccari, Rocchi, Zarate.

Squalificati:

Indisponibili: Ederson 

Goicoechea; Piris, Burdisso, Marquinhos, Balzaretti; De Rossi, Tachtsidis, Florenzi; Lamela, Osvaldo, Totti. All.: Zeman

A disp.: Svedkauskas, Taddei, Castan, Romagnoli, Dodò, Bradley, Perrotta, Marquinho, Pjanic, Nico Lopez.

Squalificati: Guberti, Destro

Indisponibili: Lobont, Stekelenburg

 

Arbitro: Rocchi 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori