PROBABILI FORMAZIONI/ Lazio-Inter: ultime novità (serie A, 17esima giornata)

- La Redazione

Le probabili formazioni di Lazio-Inter, in campo stasera alle 20.45 per la 17esima giornata di serie A. Sfida d’alta classifica, che dirà molto sulle ambizioni delle due contendenti…

andrea_stramaccioni_volto_r400
Andrea Stramaccioni (Infophoto)

Anticipo di lusso, stasera alle ore 20.45. All’Olimpico saranno di scena Lazio ed Inter, rispettivamente la quarta e la seconda forza del campionato di serie A. Una sfida che potrebbe dire molto in chiave alta classifica, tra due squadre con forti ambizioni europee (per meglio dire, Champions League) e, perchè no, anche di scudetto. Ambizioni che riguardano soprattutto i nerazzurri, che al momento si trovano a -4 dalla Juventus capolista, ma anche la formazione di Petkovic, tecnico pragmatico e concreto, che non ha mai posto limiti di obiettivi per la sua squadra. I campioni, da Klose a Milito, non mancheranno da una parte e dall’altra, per cui sembrano esserci tutti gli ingredienti per una partita emozionante e spettacolare, come si conviene ad una partita di cartello come questa. Lo storico gemellaggio tra le due tifoserie completa il quadro dell’appuntamento, che certamente ci farà capire di più sulle attuali condizioni delle due formazioni, e dunque le possibili gerarchie nelle zone nobili della classifica. Eccovi quindi le ultime notizie sulle probabili formazioni delle due compagini.

“Questa gara è importante come le altre, anche se in questo momento ci può dare delle certezze e farci capire di essere arrivati al punto di competere con chi ci sta davanti”. Vladimir Petkovic è apparso molto carico nella conferenza-stampa della vigilia. Per la sua Lazio quello di stasera sarà un test d’alta classifica: “Sarà importante fare una gara concreta, disciplinata, dobbiamo dare tutto per vincere”. La squadra, a suo dire, è in grande crescita, anche sotto il profilo della considerazione generale. Non manca una battuta sul collega Stramaccioni: “Sotto certi punti di vista abbiamo avuto le stesse difficoltà: ci siamo comportati bene, ma dobbiamo dimostrare ogni giorno il nostro valore”. Solito modulo 4-5-1 per i biancocelesti, che scenderanno in campo, quasi sicuramente, con il seguente undici di partenza: Marchetti in porta, difesa a quattro con Konko, Ciani, Biava e Radu, a centrocampo Candreva, Hernanes, Ledesma, Gonzalez e Mauri, davanti Klose come unica punta, incaricato di tramutare in oro, da par suo, la mole di gioco prodotta dai suoi compagni.

A disposizione dell’allenatore ci saranno in panchina i portieri Bizzarri e Carrizo, i difensori Scaloni, Diakite e Dias, i centrocampisti Cana, Brocchi, Onazi e Lulic, gli attaccanti Floccari, Rozzi e Zarate. Quest’ultimo è un ex della partita: chissà se riuscirà ad uscire proprio stasera da un periodo a dir poco difficile…

Sono quattro gli assenti tra le fila biancocelesti, ovvero gli squalificati Cavanda e Kozak e gli acciaccati Ederson e Rocchi. Problemi soprattutto nel reparto offensivo per mister Petkovic, un po’ a corto di alternative.

“In generale è normale che la città dove sei nato ti resta nel cuore, sarei ipocrita a non dirlo. L’Olimpico è il primo stadio che ho visto in vita mia”. Il romano Andrea Stramaccioni ha commentato così, nella conferenza stampa della vigilia, il ritorno nella città che gli ha dato i natali. “E’ una partita importantissima contro una squadra in forma, compatta, pericolosissima davanti”, ha spiegato il tecnico nerazzurro, che teme in particolare il rientro di Klose dal 1′. La Lazio, però, a suo dire, non è solo attacco: “Ha pure una grande difesa ed è una delle più concrete e complete del campionato italiano”. Tanti complimenti, inoltre, al collega Petkovic: “Con il suo lavoro ha fatto ricredere tutti e ha dimostrato che può giocarsela con chiunque, solo a Napoli ha avuto una battuta d’arresto”. Nerazzurri in campo all’Olimpico con il 3-4-1-2: tra i probabili titolari ci saranno in porta Handanovic, in difesa Ranocchia, Samuel e Juan Jesus, a metà campo Zanetti, Cambiasso, Gargano e Nagatomo, sulla trequarti viene avanzato Guarin, a sostegno del duo d’attacco formato da Milito e Cassano.

– A disposizione ci saranno i portieri Castellazzi e Belec, i difensori Silvestre, Mbaye e Pasa, i centrocampisti Benassi, Duncan e Mariga, gli esterni Jonathan e Pereira, gli attaccanti Coutinho e Palacio. Tante scelte per mister Stramaccioni, che potrebbe far entrare nella ripresa proprio una punta veloce e prolifica come l’ex genoano Rodrigo Palacio.

– Piuttosto lungo l’elenco degli assenti: Stankovic, Obi, Chivu, Mudingayi, Alvarez e Livaja, tutti alle prese con una serie di problemi fisici. L’Inter dunque deve rinunciare a molti nomi importanti, su tutti due veterani Stankovic e Chivu – senza considerare Sneijder.

 

 

Marchetti; Konko, Ciani, Biava, Radu; Candreva, Hernanes, Ledesma, Gonzalez, Mauri; Klose. All.: Petkovic.

A disp.: Bizzarri, Carrizo, Scaloni, Diakite, Dias, Cana, Brocchi, Onazi, Lulic, Floccari, Rozzi, Zarate.

Squalificati: Kozak, Cavanda.

Indisponibili: Ederson, Rocchi.

Handanovic; Ranocchia, Samuel, Juan Jesus; Zanetti, Cambiasso, Gargano, Nagatomo; Guarin; Milito, Cassano. All.: Stramaccioni.

A disp.: Castellazzi, Belec, Silvestre, Mbaye, Pasa, Benassi, Duncan, Jonathan, Coutinho, Palacio, Mariga, Pereira.

Squalificati: nessuno.

Indisponibili: Stankovic, Obi, Chivu, Mudingayi, Alvarez, Livaja.

 

Arbitro: Mazzoleni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori