CALCIOMERCATO/ Lazio, rispunta Xandao, che lite Moratti-Lotito!

- La Redazione

I capitolini starebbero ripensando al difensore di proprietà del Desportivo Brasil, in prestito allo Sporting Lisbona, Xandao. Intanto scoppia la lite a distanza fra Moratti e Lotito

Xandao_Sporting
Xandao, 24 anni, difensore dello Sporting Lisbona (Foto Infophoto)

Piccoli passi della Lazio in vista del calciomercato di riparazione del prossimo gennaio. Sulla falsariga di quanto avvenuto durante la scorsa estate il presidente Claudio Lotito punterà ad inserire qualche pedina che vada ad ampliare una rosa che dovrà giocare su due fronti (senza dimenticare la Coppa Italia). Nessuno stravolgimento dunque nella formazione titolare, che sta girando molto bene anche grazie all’ottimo lavoro di Vladimir Petkovic: solo modifiche nelle secondo linee, considerando anche che qualche nome è in uscita (su tutti quelli di Diakité e Matuzalem). Nelle ultime ore, stando alle indiscrezioni, la Lazio avrebbe rimesso gli occhi su quello che era un suo desiderio estivo, ovvero Xandao, difensore brasiliano che gioca nello Sporting Lisbona ma è di proprietà del Desportivo Brasil. 24 anni, fisico da corazziere (è alto 193 cm), può essere un rinforzo utile per una difesa che ha sempre qualche problema legato agli infortuni: recentemente si è fermato Andre Dias e Biava in passato ha saltato diverse gare. Può essere il quarto centrale per la Lazio, un’alternativa importante che permetterebbe a Petkovic di utilizzare Cana nel suo ruolo naturale e di essere più coperto soprattutto nelle gare di Europa League che verranno. Il suo acquisto però sarà subordinato solo all’ottenimento del passaporto comunitario, dunque per ora l’affare esula dalla volontà di Lotito e Tare di chiuderlo. Xandao servirebbe molto anche perchè, come detto, Modibo Diakité è in uscita: il francese è stato reintegrato nella rosa, ma il futuro del franco-maliano non sarà a Formello. Il ragazzo era già stato seguito in estate prima che il tutto decadesse ed ora i biancocelesti ci starebbero ripensando vista la necessità di inserire un nuovo difensore in rosa. Il problema principale è legato allo status di extracomunitario dello stesso Xandao e l’eventuale trasferimento dipenderà esclusivamente dall’ottenimento del passaporto comunitario. A tale proposito infuria la polemica tra Moratti e Lotito: le dichiarazioni del patron biancoceleste riguardo la presunta firma di Diakité con l’Inter sono note, ma stavolta non si è fatta attendere la piccata replica del presidente dell’Inter: “Diakité? Quando ho sentito le parole di Lotito era la una di notte, ho tirato giù dal letto i miei uomini e ho chiesto loro chi fosse il giocatore, visto che non ricordo nemmeno bene il nome. Sarà anche un bravo giocatore ma

 non ci è mai passato per la testa di fare qualcosa. Non so perchè Lotito insista, ma se va avanti potrei anche arrabbiarmi”. Che Moratti non conosca Diakité è difficile da credere, ma il concetto resta; eppure anche Ulisse Savini, procuratore del giocatore, ha rincarato la dose, ammettendo di non sapere niente ma aggiungendo “se è successo, sarà un problema da affrontare nelle dovute sedi”, visto che non è concesso firmare accordi ufficiali fino al 3 gennaio prossimo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori