CALCIOMERCATO/ Lazio, sogno Guidetti, occasione Rodallega. E Pazzini…

La Lazio di Vladimir Petkovic cerca un attaccante per completare il reparto offensivo: il turco Yilmaz è quasi sfumato, ma le alternative non mancano, da John Giudetti a Hugo Rodallega

12.07.2012 - La Redazione
rodallega_wiganR400
Hugo Rodallega, 26 anni, attaccante svincolato (INFOPHOTO)

La Lazio di mister Petkovic ha ben chiara la priorità sul fronte calciomercato: acquistare un attaccante che possa fare da spalla e all’occorrenza dare riposo a Miroslav Klose. Fino a pochi giorni fa il candidato principale era il turco Burak Yilmaz, centravanti del Trabzonspor che la Lazio ha inseguito e corteggiato nelle ultime settimane. Una pista però svanita come neve al sole, alla luce dell’inserimento improvviso della Lokomotiv Moskca, cui Yilmaz ha detto di sì lasciando la Lazio praticamente sull’altare. Ora Lotito e Tare si stanno guardando intorno, sondando il calciomercato alla ricerca dell’identikit giusto. In quest’ottica è tornata di moda la candidatura di Nilmar, ventisettenne brasiliano del Villarreal. Sul quale però la concorrenza è folta: oltre all’Internacional de Porto Alegre, che vorrebbe riportarlo in Brasile ma non offre più di cinque milioni, ci sono le solite sirene russe. Guarda caso sempre la Lokomotiv, favorita dalla maggiore libertà di movimento in chiave economica. Sia per Yilmaz che per Nilmar i russi possono staccare assegni immediati alle rispettive squadre, mentre la Lazio intende acquistare mediante pagamenti a rate. La valutazione di mercato di Nilmar, smussata dalla retrocessione del Villarreal, si aggira sui dieci milioni di euro. Il brasiliano resta sul taccuino di Tare che però punta ad un investimento di minor calibro. Per questo resta in quota il nome di Emmanuel Mayuka, eroe nell’ultima coppa d’Africa vinta dal suo Zambia e che Petkovic ben conosce, per averlo allenato allo Young Boys. Mayuka, seconda punta classe 1990 costa circa cinque milioni e sarebbe certamente allettato dall’ipotesi Lazio. Nelle ultime ore però il nome forte è quello di Johnh Giudetti, punta italosvedese rivelazione dell’ultima Eredivisie, in cui ha realizzato 20 gol in 23 presenze con la maglia del Feyenoord. Il ventenne Guidetti è di proprietà del Manchester City ma vuole giocare con continuità: è pressochè certo che il suo futuro sia lontano dal City of Manchester, perlomeno nella stagione entrante. Il suo agente italiano, Roberto De Fanti, è in Italia per discutere con le pretendenti tricolori: si parla di Lazio, Fiorentina e Sampdoria. Ora, i blucerchiati hanno puntato su Maxi Lopez e sembrano aver fatto un passo indietro su Guidetti. Su cui ora la Lazio dovrà fronteggiare l’ambiziose Fiorentina di Montella, in cerca di riscatto e volti giovani per ripartire dopo un stagione turbolenta. Sicuramente Lotito e Tare resteranno sintonizzati, anche perchè Guidetti potrebbe arrivare con la formula del prestito, vista la sua situazione contrattuale. Ma le manovre…

 

…di calciomercato per l’attacco non finiscono qui. Una pietra importante è stata già posata con la conferma di un motivatissimo Zarate, che ha ritrovato l’affetto del pubblico e che può essere un’aggiunta non da poco, salvo sbandate comportamentali. Inoltre dall’Inghilterra arriva un’occasione molto ghiotta a parametro zero: trattasi di Hugo Rodallega, estrosa punta ecuadoregna di ventisei anni, nelle ultime tre stagioni al Wigan Athletic (112 presenze in Premier League, 24 gol). Rodallega non ha rinnovato il contratto con i Latics e ora è disponibile a parametro zero: sarebbe un colpo di calciomercato notevole. La magagna è la concorrenza del Fulham, che  si è appena visto soffiare Maxi Lopez dalla Sampdoria e ora punta forte sull’ecuadoregno. In ogni caso la Lazio resta in pole position, anche perchè come abbiamo visto le alternative costano. Non ultimo Pazzini (clicca qui per saperne di più), in odore di addio dall’Inter e che con Klose formerebbe una coppia di tutto rispetto. In caso di buco su Rodallega si potrebbe pensare di rivitalizzare Sergio Floccari, rientrato dal prestito a Parma e da non dare per morto.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori