CALCIOMERCATO/ Lazio, missione Zarate: conquistare Petkovic. Brutte news su Yilmaz…

Gli obiettivi dell’attaccante argentino, che vuole conquistarsi un posto nella nuova Lazio di mister Petkovic, anche se le sirene di mercato – leggi River Plate – non mancano di certo…

08.07.2012 - La Redazione
mauro_zarate_lazio_r400
Zarate (infophoto)

Mauro Zarate vuole riprendersi la Lazio. L’attaccante argentino è tornato nella Capitale dopo un anno poco felice all’Inter, dove ha giocato in prestito. Se ‘Maurito’ riuscisse nel suo intento, allora ecco che i biancocelesti non avrebbero bisogno di tornare sul calciomercato per acquistare un’altra punta. Anche perchè proprio nella giornata di oggi sono giunte notizie non troppo buone per la Lazio sul fronte Burak Yilmaz. Sull’attaccante del Trabzonspor si è fatto avanti anche il Lokomotiv Mosca con un’offerta molto allettante sia per il calciatore che per il club. A questo punto però il presidente turco vuole aspettare il 10 Luglio prima di prendere una decisione definitiva sul futuro di Yilmaz che ad oggi oscilla tra Lazio, Lokomotiv e Galatasaray. Nel modulo di Vladimir Petkovic, Zarate potrebbe agire da esterno offensivo, oppure sulla trequarti, magari in linea con gli altri ‘creativi’ Ederson ed Hernanes. Con il primo, in particolare, è già partito il duello per aggiudicarsi la prestigiosa maglia numero 10. L’inizio della sua seconda avventura in biancoceleste, va detto, non è stato di certo dei migliori. L’aver perso l’aereo per la sede del ritiro non è stato il modo più furbo e avveduto per ripresentarsi sul palcoscenico biancoceleste. La società, tutto sommato, ha abbozzato, ben sapendo che il recupero di un giocatore di talento come lui è fondamentale per l’economia del gioco. I tifosi laziali amano senza riserve Zarate, ed hanno sempre imputato a Reja, ‘nemico’ dichiarato del giocatore, la colpa dell’addio. Ora che il goriziano non c’è più, si può tornare a puntare sull’argentino, sempre che lasci da parte certe bizze. E senza trascurare le sirene di mercato che continuano a cantare al suo indirizzo. Sulle tracce dell’attaccante, secondo i rumors provenienti dall’Argentina – e confermati da fonti vicine al calciatore – ci sarebbe nientemeno che il River Plate. I Millionarios, però, avrebbero alcune perplessità, sia di natura tattica – poca adattabilità del ragazzo al 4-4-2 previsto dalla vecchia conoscenza Almeyda – che economica. Zarate, infatti, guadagna molto, sui 4 milioni di euro tra ingaggio e commissioni (il suo contratto scadrà nel 2014). Presto ci sarà un incontro tra il suo entourage e il presidente Lotito, che intimerà, quasi sicuramente, al giocatore di ‘spalmare’ lo stipendio, pena l’addio alla Lazio. Come si vede, dunque, non mancano gli ostacoli per la permanenza di Zarate nella Capitale, anche se l’argentino, dal canto suo, sembra intrigato dalla possibilità di cimentarsi con un calcio iperoffensivo come quello teorizzato da mister Petkovic. Una convivenza interessante, si spera per lui migliore di quelle avute con Reja e Ranieri, quest’ultima all’Inter.

Spetta solo a Zarate dimostrare di essere maturato. Basta colpi di testa, serve solo il genio per riprendersi una maglia da titolare in quella Lazio che lo ha tanto amato. E spera di tornare presto a farlo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori