CALCIOMERCATO/ Lazio, Yilmaz vicinissimo, Kozak saluta l’Italia

- La Redazione

La Lazio si è avvicinata di molto nella notte all’attaccante del Galatasaray e della nazionale turca, Burak Yilmaz. Filtra grande ottimismo e l’operazione si potrebbe realmente chiudere

BurakYilmaz_Bayern
Burak Yilmaz (28) attaccante del Galatasaray (Infophoto)

CALCIOMERCATO LAZIO – Torna vicinissimo al vestire la casacca biancoceleste l’attaccante del Galatasaray e della nazionale turca, Burak Yilmaz. Quando sembrava che l’operazione potesse essere decaduta definitivamente, il patron Claudio Lotito l’ha riaperta sottotraccia riavvicinandosi di molto al bomber in questione. Sul tavolo vi sono 13 milioni di euro più bonus, un’offerta che sembra aver convinto il club di Fatih Terim dopo le proposte precedenti, tutte rimandate seccamente al mittente. Del resto la Lazio necessita di un’alternativa in attacco, come si è visto benissimo in queste prime uscite ufficiali, dove, al di là del nazionale tedesco Miroslav Klose, nessuno ha brillato nel reparto avanzato. L’accelerata è arrivata anche dopo la partenza di Libor Kozak, nazionale ceco che nella serata di ieri ha salutato la Serie A per trasferirsi fra le fila degli inglesi dell’Aston Villa in cambio di un assegno da 5 milioni di euro.

CALCIOMERCATO LAZIO – Del resto Claudio Lotito ha annunciato negli scorsi giorni l’arrivo di un fatidico “Mister X” e chissà che non sia proprio Yilmaz l’ultimo colpo di questa lunghissima campagna acquisti dei biancocelesti, iniziata praticamente durante lo scorso mese di gennario, dopo aver bloccato Felipe Anderson dal Santos. Per Yilmaz lo sforzo è importante, 13 milioni di euro e si parla forse dell’innesto di qualche contropartita tecnica come Floccari oppure il tandem Pereirinha-Stankevicius, ma come dicevamo poc’anzi, la Lazio necessita assolutamente di innesti in attacco per evitare di rimanere “Klose-dipendente a vita”. Novità sono attese quindi nelle prossime ore, con la speranza per i laziali che siano positive e che scaturisca la fatidica fumata bianca in quel di Istanbul.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori