Calciomercato Lazio/ News, Quistelli (ag. FIFA): Keita, possibile il prestito. Djordjevic? Non è una sorpresa (esclusiva)

- int. Umberto Quistelli

Calciomercato Lazio news, in esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente Fifa Umberto Quistelli ha parlato del calciomercato biancoceleste e in particolare della situazione di Keita.

keita_olimpico
Keita Balde Diao (Infophoto)

Sono tanti i tifosi della Lazio che non si spiegano il motivo dell’esclusione di Keita dall’undici titolare. Il giovane talento della Lazio potrebbe anche decidere di andare via a gennaio in prestito per trovare maggiore continuità di rendimento. In attacco la Lazio ha deciso di puntare su un bomber come Djordjevic che sta ripagando la fiducia di Pioli. L’agente Fifa Umberto Quistelli ha parlato del calciomercato Lazio in esclusiva per IlSussidiario.net.

Come mai la Lazio non punta su Keita? Il giovane talento biancoceleste non sta trovando spazio nell’undici di Pioli ma sono convinto che il tecnico stia facendo di tutto per inserirlo bene nella Lazio.

Se non dovesse trovare spazio cosa succederebbe? Credo che la Lazio possa valutare bene la possibilità di cedere il calciatore in prestito in qualche società amica. In fondo lo ha fatto con Minala.

A proposito di Minala, come va l’esperienza a Bari? Sta recuperando da un problema fisico, sono convinto che sarà molto utile al Bari. La Lazio ha fatto bene a cedere questo ragazzo in prestito.

In attacco tutti pazzi di Djordjevic: ha sorpreso anche lei? Tra noi addetti ai lavori uno come Djordjevic non è passato inosservato negli anni scorsi. Tra l’altro è arrivato anche a parametro zero, sono i colpi che servono al calcio italiano.

Come mai? In un momento di crisi è bene trovare giocatori a parametro zero e giovani che possono essere rivenduti tra qualche anno portando plusvalenze ai bilanci dei club italiani.

Lazio interessata a Pezzella: sarebbe il colpo giusto per la difesa? E’ molto bravo, però bisognerebbe comunque concedergli il tempo di ambientarsi in un campionato come quello italiano.

(Claudio Ruggieri)





© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori