Probabili formazioni/ Genoa-Lazio, le ultime novità (serie A, 30esima giornata)

Le probabili formazioni di Genoa-Lazio, partita valida per la trentesima giornata del campionato di Serie A: le ultime notizie, le scelte e le dichiarazioni di Gasperini e Reja

25.03.2014 - La Redazione
ledesma_rafinha
(INFOPHOTO)

La trentesima giornata di serie A caratterizzerà la serata di oggi nell’ultimo turno infrasettimanale di campionato. Si gioca anche Genoa-Lazio, alle ore 20.45 allo stadio Marassi di Genova. Per i padroni di casa potrebbe essere l’occasione di sigillare la salvezza (di fatto già raggiunta) con una bella vittoria davanti al pubblico amico, scrivendo un nuovo capitolo del bel ritorno al Grifone di Giampiero Gasperini. Tuttavia, alla Lazio di Edy Reja servirà una vittoria per continuare a credere nella qualificazione alla prossima edizione della Europa League, contando magari anche sul fatto che negli ultimi mesi i biancocelesti stanno facendo molto meglio in trasferta piuttosto che in casa. Eccovi dunque ora le ultime notizie sulle due squadre e le probabili formazioni di Genoa-Lazio, partita che sarà diretta dall’arbitro Peruzzo.

Così ha parlato l’allenatore Giampiero Gasperini nella classica conferenza stampa alla vigilia della partita: “Abbiamo un po’ di difficoltà per numerose assenze nel medesimo reparto. La mancanza di Matuzalem sarà una buona possibilità per i più giovani di mettersi in mostra, le partite che mancano rappresentano un’occasione per tutti, sia a livello personale sia in prospettiva futura. Penso unicamente all’evoluzione della mia squadra, da dove siamo partiti e dove possiamo arrivare. Le prestazioni avvenute dopo la sconfitta del derby dimostrano solo che la squadra ha carattere e determinazione. La Lazio sta rincorrendo la possibilità di raggiungere l’Europa. Per noi sarà un test importante per vedere miglioramenti. La Lazio è pericolosa nelle ripartenze e realizza buoni gol. Entrambe le squadre lotteranno per la vittoria”. In porta dovrebbe esserci spazio per Bizzarri. In difesa resta il dubbio legato alle condizioni di Burdisso: se non dovesse farcela, ecco De Ceglie. Il regista di centrocampo sarà Bertolacci, con al suo fianco il giovane Sturaro, che nelle ultime giornate si è ritagliato uno spazio importante. Lo schema dovrebbe essere il 3-5-2, con la coppia d’attacco formata da Gilardino e dall’ex Sculli.

Detto di De Ceglie e che Perin si accomoderà stasera in panchina, tra gli altri giocatori a disposizione di Gasperini spiccano Gamberini in difesa, e poi dalla cintola in su ecco Centurion, Konatè e poi il fantasista greco Fetfatzidis e la punta Calaiò, pronti ad entrare a partita in corso per movimentare le scelte in attacco.

L’elenco è piuttosto pesante. Innanzitutto, sarà squalificato il difensore francese De Maio. Passando agli infortunati, la stagione è di fatto finita per Matuzalem e i tempi di recupero si annunciano ancora piuttosto lunghi anche per altri due teorici titolari come Kucka e Vrsaljko. Assenti pure Antonini e il terzo portiere Donnarumma, che però dovrebbero tornare a disposizione entro una settimana.

Così Edy Reja ha presentato la partita nella conferenza stampa alla vigilia: “Con il Genoa è decisiva? Sono tutte decisive, quella con Milan lo era e domenica ero abbastanza incavolato perché avevamo una chance straordinaria. Mi aspetto altre opportunità e cercheremo di non fallirle mai più. Da oggi pensiamo al Genoa e cerchiamo di recuperare i punti che stiamo perdendo all’Olimpico se vogliamo avere ambizioni importanti. Andare in Europa dipenderà da quello che faremo noi e dagli scontri diretti. Andremo a San Siro con l’Inter, avremo il Parma in casa, non dobbiamo perdere il contatto con le altre squadre. Sta a noi decidere il futuro, ma non possiamo più sbagliare. Io e Gasperini siamo due allenatori un po’ pragmatici, siamo stati facilitati nel conoscere la squadra. Lui convive con un ambiente favorevole, quando la tifoseria è a favore si è tutti più sereni. Per me ci sono un po’ di alti e bassi. La formazione la farà il medico? Oggi sì: Dias, Klose, Marchetti, Ciani, Pereirinha e Biglia sono out. Ma ho una rosa adeguata, cercheremo di vincere lo stesso. Non possiamo più sbagliare e dobbiamo giocarcele tutte senza fare i conti. Non è facile raggiungere l’obiettivo ma dobbiamo provarci. Il Genoa aggredisce molto e sta vivendo un momento particolare di forma. A noi il compito di fare risultato”. Ben sette indisponibili, inoltre Biava e Dias non sono al top, ma logicamente sono stati convocati e uno dei due dovrebbe pure giocare titolare (probabilmente l’ex genoano), magari in staffetta con l’altro a partita in corso. Reja dovrebbe puntare su un aggressivo 3-4-3 con Ledesma regista e in attacco Candreva a destra e Keita a sinistra: la sorpresa assoluta sarà la punta centrale, che sarà il debuttante Helder Postiga, finalmente in campo con la maglia biancoceleste.

Con tanti assenti, la panchina sarà piena di giovani, da quelli già nel giro della prima squadra come Kakuta, Strakosha e Perea a quelli che per ora fanno ancora parte a tutti gli effetti della Primavera come Crecco e il discusso Minala, protagonista suo malgrado tempo fa di una polemica sulla sua età. Spiccano invece le presenze di Mauri e Felipe Anderson, prime alternative per la fase offensiva.

L’elenco è decisamente lungo, a partire dallo squalificato Lulic. Sono poi ben sei i giocatori indisponibili causa infortunio: Marchetti e Klose sono i nomi di maggiore spicco, ma incideranno molto anche le assenze di Biglia, Ciani, Ederson e Pereirinha. L’unica buona notizia è che i tempi di recupero dovrebbero essere abbastanza brevi per tutti, salvo per Ederson la cui stagione è finita già da tempo.

 

53 Bizzarri; 8 Burdisso, 90 Portanova, 15 Marchese; 21 Motta, 14 Cofie, 91 Bertolacci, 69 Sturaro, 13 Antonelli; 10 Sculli, 11 Gilardino. All. Gasperini.

A disp.: 1 Perin, 95 Albertoni, 5 Gamberini, 79 Cabral, 29 De Ceglie, 26 Centurion, 77 Konatè, 18 Fetfatzidis, 16 Calaiò.

Squalificati: De Maio (1).

Indisponibili: Antonini, Donnarumma, Kucka, Vrsaljko, Matuzalem.

1 Berisha; 20 Biava, 85 Novaretti, 26 Radu; 39 Cavanda, 15 Gonzalez, 24 Ledesma, 29 Konko; 87 Candreva, 46 H. Postiga, 14 Keita. All. Reja.

A disp.: 95 Strakosha, 55 Guerrieri, 3 Dias, 27 Cana, 4 Crecco, 23 Onazi, 58 Minala, 6 Mauri, 7 F. Anderson, 21 Kakuta, 34 Perea.

Squalificati: Lulic (1).

Indisponibili: Biglia, Ciani, Ederson, Klose, Marchetti, Pereirinha.

 

Arbitro: Peruzzo.

 Mercoledì 26 marzo scendono in campo Genoa e Lazio, nella partita valida per la trentesima giornata del campionato di Serie A 2013-2014, la terza ed ultima infrasettimanale. Calcio d’inizio alle ore 20:45, il teatro del match sarà lo stadio Luigi Ferraris di Genova. In classifica il Genoa ha 36 punti, +12 rispetto al terzultimo posto del Livorno; la Lazio invece ne ha 42 e si trova a -5 da quinto e sesto posto, occupati rispettivamente da Parma ed Inter a quota 47. 
 Gasperini deve fare a meno di Sebastian De Maio, assente per squalifica, e Francelino Matuzalem che si è infortunato nell’ultima partita contro il Parma. Quest’ultima assenza in particolare può farsi sentire: le statistiche dicono che il playmaker brasiliano è il miglior assistman del Grifone, avendone sfornati 33 di cui 4 decisivi nelle 21 presenze accumulate. Il top scorer di squadra è invece Alberto Gilardino (12 gol in 28 partite), che dovrebbe tornare titolare dopo essere partito dalla panchina contro il Parma. Al suo fianco nel suo 3-5-2 Gasperini dovrebbe collocare uno tra Sculli e Fetfatzidis (il primo è più fresco non avendo giocato al Tardini). Sempre indisponibili Kucka, Vrsaljko e Antonini. Genoa che rispetto alla Lazio è indietro in tutte le voci statistiche medie di squadra, dal possesso palla (23’10” contro i 26’24” biancocelesti) ai tiri nella porta avversaria (4 a partita contro i 4,7 dei laziali) sino all’indice di pericolosità (42%-48,2%). E’ anche vero però che da quando è tornato Gasperini il Grifo è diventato più pragmatico e soprattutto meno fragile difensivamente.
 Edy Reja dovrebbe riproporre il modulo 4-3-3 ma non può schierare Senad Lulic, squalificato. Quest’anno il bosniaco sta offrendo un rendimento più altalenante ma la sua verve resta una variante di grande rilievo, come dimostrano i 30 assist complessivi (secondo solo a Candreva), i 29 tiri (quarto nella classifica di squadra) e i 3 gol realizzati in 23 presenze. Al suo posto dovrebbe essere inserito Onazi, nel trio di centrocampo completato da Alvaro Gonzalez e Ledesma. Anche Lucas Biglia non sarà della partita: l’argentino ha riportato una contusione ad una coscia dopo la sfida contro il Milan. In attacco si va verso la conferma di Brayan Perea, negativo nell’ultimo turno ma unico a disposizione per sostituire Klose, ancora dolorante alla schiena (Helder Postiga non è ancora al 100%). In difesa ancora out Andre Dias ed acciaccato Ciani: quest’ultimo potrebbe farcela almeno per la panchina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori