Calciomercato Lazio/ News, Reja e non solo: corsa a 5 per la panchina. Notizie al 28 e 29 maggio (aggiornamenti in diretta)

- La Redazione

Calciomercato Lazio, si scalda la sfida per la panchina biancoceleste. A fine settimana mister Edy Reja si vedrà con la dirigenza per fare il punto, ma dovrà vedersela con 4 allenatori…

Reja
Reja, allenatore Atalanta (Infophoto)

Prima del calciomercato estivo la Lazio dovrà pensare a risolvere la questione relativa alla panchina. Edy Reja ha il contratto in scadenza al 30 giugno del 2015 ma non è ancora certo di rimanere. A fine settimana si vedrà con Lotito e Tare e farà il punto della situazione, esponendo i propri dubbi, le proprie richieste e confrontandosi per capire se ci siano le condizioni per proseguire questo matrimonio. Nel contempo si scaldano gli sfidanti, a cominciare dal duo Stefano Pioli-Simone Inzaghi. L’ex Bologna ha lasciato ufficialmente gli emiliani dopo l’esonero di gennaio, ed ora è libero da qualsiasi vincolo. Il giovane tecnico della Primavera stuzzica invece la fantasia della dirigenza, e sta guidando i “lazialini” nella Final Four del campionato nazionale. Ma l’elenco non finisce qui perché in lizza per un posto c’è sempre il solito Yakin, accostato alla Lazio già durante il mese di gennaio, ma soprattutto Roberto Donadoni, allenatore del Parma per cui è stato effettuato un sondaggio approfondito in questi giorni.

Chi sarà l’allenatore della Lazio per la prossima stagione? Una domanda a cui è difficile rispondere, ora come ora, ma fra qualche giorno il tutto sarà chiarito. Come annunciato nelle scorse ore dal ds Tare, a breve la dirigenza si vedrà con Edy Reja per fare il punto della situazione e capire se si possa andare avanti insieme o meno. Nel frattempo in quel di Formello stanno tenendo in considerazione una serie di alternative a cominciare dall’outsider Simone Inzaghi, attuale allenatore della Primavera biancoceleste, estremamente stimato da Lotito e Tare e  impegnato nelle Final Four del campionato. Altro nome caldo è quello di Stefano Pioli, che a breve dirà ufficialmente addio al Bologna dopo l’esonero dello scorso gennaio. L’allenatore dei rossoblu ha svolto un ottimo lavoro in Emilia al di là naturalmente della stagione da poco conclusasi, terminata però in malo modo di certo non per esclusive colpe della guida tecnica.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori