VIDEO/ Inter-Juventus (1-1): gol e highlights. Spalletti: io resterei 100 anni ma…

- Stefano Belli

Video Inter-Juventus (1-1): highlights e gol del Derby d’Italia che si è concluso in parità. Nainggolan apre le danze, Cristiano Ronaldo salva i bianconeri dal terzo KO in campionato.

Mandzukic_Handanovic_Juventus_Inter_lapresse_2018
Giuseppe Pecoraro svela alcuni retroscena sulla sfida Inter-Juventus del 2018 (Foto LaPresse)
Pubblicità

Le dichiarazioni post partita di Inter Juventus sono state pure l’occasione per scoprire qualcosa di più sul prossimo futuro dei due tecnici, in dubbio a fine stagione di Serie A. Ecco quindi che nell’intervista di Sky Sport, l’allenatore nerazzurro Luciano Spalletti ha pure dichiarato sul suo rapporto con la società milanese: “Se io continuo o non continuo…decide la società non è problema! Da parte mia io resterei 100 anni all’inter perchè l’Inter è un bel club ..avete visto quale tifoseria abbia, che emozione ti da entrare in uno stadio glorioso come è quello di San Siro. Per me non è un problema però, e per chiarire ..l’Inter è bene che scelga il meglio per il bene dell’inter. E se poi questo va ad annullare quello che è il mio lavoro non conta nulla: l’inter deve andare avanti e deve avere personaggio forti che hanno forza di decidere. Soprattutto bisogne difendere l’Inter”. (agg Michela Colombo)

CLICCA QUI PER IL VIDEO CON LE PAROLE DI SPALLETTI

Pubblicità

IL DERBY D’ITALIA

Video Inter-Juventus 1-1: gol e highlights del big match valevole per la 34^ giornata di Serie A 2018-19. Big match, si fa per dire ovviamente, con i bianconeri che una settimana fa si sono laureati campioni d’Italia per l’ottava volta di fila ed essendo usciti dalla Champions League e dalla Coppa Italia non hanno assolutamente più nulla da chiedere a questa stagione. Ok, i nerazzurri potevano approfittarne per blindare definitivamente il terzo posto e portarsi momentaneamente a -3 dal Napoli secondo, ma nella corsa verso la Champions League la squadra di Spalletti è quella che al momento corre meno rischi (sicuramente meno di Roma e Milan). In ogni caso i giocatori dell’Inter entrano in campo con più stimoli e lo si può toccare con mano soprattutto nel primo tempo, quando Radja Nainggolan fa esplodere il Meazza con un gol dei suoi che non vedevamo dai tempi della Roma spallettiana. La vecchia Signora barcolla e rischia il tracollo, Szczesny (poco reattivo in occasione della rete del belga) dice di no a Icardi e De Vrij e tiene a galla gli uomini di Allegri, protagonisti di un primo tempo insufficiente. Nella ripresa i bianconeri tornano a esprimersi su standard decenti e trovano il gol del pari con Cristiano Ronaldo (20^ gol in campionato per il portoghese che si porta a -2 da Quagliarella nella classifica marcatori) che dopo un rapido scambio con Pjanic fulmina Handanovic e ristabilisce l’equilibrio sul terreno di gioco. Nelle battute conclusive del match la Juve alza il baricentro e aumenta il pressing nella trequarti nerazzurra, senza comunque trovare il gol del 2-1 che sfiora soltanto con il giovane Pereira (proveniente dalla squadra under-23 che gioca nel girone A di Serie C). L’Inter può certamente recriminare per le occasioni avute da Perisic, il croato è stato messo più volte nelle condizioni di gonfiare la rete ma è stato fermato dalle parate di Szczesny e da una mira non chirurgica sotto porta. Per gli amanti dei numeri, la Juventus può ancora chiudere il campionato a quota 100, a patto di vincere le prossime quattro partite, in ogni caso il record dei 102 punti di Conte resterà imbattuto, almeno per quest’anno.

Pubblicità

LE DICHIARAZIONI

Le parole di Giorgio Chiellini ai microfoni di DAZN subito dopo la fine del match: “Dobbiamo scrollarci di dosso il pensiero di quello che sarebbe potuto essere e non è stato, l’unico modo per farlo è scendere in campo e giocare. Siamo entrati tardi in partita ma nel secondo tempo si è vista la vera Juventus che ha stravinto meritatamente il campionato. Con tutto il rispetto per l’Inter abbiamo dimostrato di essere più forti, vogliamo onorare queste ultime partite e le sfide che ci aspettano possono darci degli stimoli in più a chiudere in bellezza. Più giochiamo e meglio è, perché ci consente di smaltire le scorie dovute alle delusioni per l’uscita dalla Champions. Importante non aver perso, soprattutto per il morale e l’immagine. Con Cristiano Ronaldo parti sempre dall’1-0, ha una marcia in più, è un fuoriclasse che quando vuole fa la differenza, sono sicuro ci darà una grandissima mano anche la prossima stagione”. Il commento di Luciano Spalletti, allenatore dell’Inter: “Nel primo tempo la squadra aveva macinato gioco e la nostra supremazia territoriale era abbastanza netta ed evidente, siamo arrivati a essere insidiosi in diverse situazioni, purtroppo abbiamo segnato un solo gol e non siamo riusciti a chiudere subito la partita. Nella ripresa siamo calati, la Juve ha spostato il baricentro in avanti e ci ha aggredito con più intensità, le nostre caratteristiche ci consentono di esprimere tutta la nostra forza anche difendendo in undici, peccato per la mancata vittoria”. Nel post-partita è intervenuto anche Massimiliano Allegri, tecnico della Juventus: “Avere un giocatore come Ronaldo in squadra è fondamentale, soprattutto quando non giochi benissimo come nel primo tempo dove l’Inter ci ha messo in difficoltà. Nella ripresa abbiamo chiuso sia fisicamente che tecnicamente in crescendo, anche se abbiamo gli uomini contati e non è facile dare il massimo quando gli stimoli per giocare con il coltello tra i denti vengono meno. In ogni caso mi sono divertito”.

VIDEO INTER JUVENTUS, GOL E HIGHLIGHTS DELLA PARTITA



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità