CAOS ISRAELE/ Ecco perché Tel Aviv non cerca una soluzione politica

- Giuseppe Gagliano

L’uso della forza da parte di Israele contro Hamas non è finalizzato al raggiungimento di una soluzione politica. Ecco la strategia dello Stato ebraico

Guerra Israele a Gaza
Gaza, raid Israele contro torre AP-Al Jazeera (LaPresse)

A partire dal 1968, Israele ha dovuto affrontare una nuova forma di conflitto nato da una vecchia minaccia: la violenza palestinese usata per fini politici da una miriade di organizzazioni sub-statali. Nuove strutture, nuove ideologie ma soprattutto nuove modalità operative: dirottamenti, attacchi all’estero, razzi – senza abbandonare la guerriglia – compaiono accanto alle tradizionali minacce degli Stati arabi, i loro eserciti e le loro alleanze. Questo sviluppo inizia un anno dopo la Guerra dei sei giorni del giugno 1967.

Anche se Fatah, la struttura che ha inaugurato la lotta armata palestinese contro Israele, ha lanciato il primo attacco terroristico il 1° gennaio 1965, è stato dopo la guerra del 1967 che i leader degli Stati arabi capirono che Israele non sarebbe stato spazzato via dall’azione degli eserciti convenzionali e quindi i palestinesi si resero conto che gli eserciti arabi non avrebbero rivendicato da soli le terre perse nel 1948-1949.

Tra il 1968 e il 1982, un conflitto interstatale ad alta intensità in cui i palestinesi venivano usati per scopi estranei ai loro interessi si trasformò in un conflitto a bassa intensità tra Israele e una moltitudine di attori sub-statali palestinesi. L’ultimo grande scontro militare convenzionale a cui Israele ha partecipato si è svolto nel 1982 in Libano, contro l’esercito siriano. Tra l’accordo di pace con l’Egitto nel 1979 e la raffica di normalizzazioni de jure nel 2020 (Emirati Arabi Uniti, Bahrain, Marocco) e de facto (Oman, Arabia Saudita e Sudan), l’era dell’ostilità degli Stati arabi verso Israele è terminata, almeno temporaneamente. Nella maggior parte dei paesi arabi, la logica dello Stato e dei suoi interessi hanno prevalso e hanno imposto questa normalizzazione. Nello stesso momento in cui i vari Stati arabi sono emersi, ciascuno al proprio ritmo, lo Stato come istituzione ha continuato a indebolirsi nel mondo arabo. Il terremoto noto come “Primavera araba” ha abbattuto un certo numero di questi Stati, come la Siria e lo Yemen. Se aggiungiamo il crollo degli Stati iracheno e libanese e la profonda crisi negli Stati algerino e tunisino, la conclusione è chiara: non c’è una reale dimensione statale nel conflitto arabo-israeliano.

I primi due decenni del XXI secolo hanno finito di plasmare la nuova situazione geopolitica: Hamas, Hezbollah, Daesh e Al-Qaeda prosperano nel caos di un mondo post-ideologico e multipolare. Ora è la debolezza o l’assenza delle strutture statali che pone un problema allo Stato meglio organizzato della regione.

Attraverso tentativi ed errori, Israele ha gradualmente elaborato le sue risposte a questa nuova situazione. Come al solito, le idee tattiche e tecnologiche hanno preceduto il pensiero politico e strategico debole e tardivo. Inizialmente, la risposta era composta da cinque elementi: protezione degli obiettivi all’estero (ambasciate, comunità ebraiche), mezzi tattici antiterrorismo (le forze speciali di intervento), una maggiore sorveglianza delle frontiere, un enorme sforzo di intelligence (la popolazione palestinese è strettamente sorvegliata e monitorata dallo Shin Bet) e infine pressioni sugli Stati che fungevano da basi posteriori (Giordania, Libano e Siria). Questa fase culminò nel 1976 con l’operazione di liberazione di un aereo dirottato dell’Air France, i cui ostaggi furono trattenuti a Entebbe (Uganda), e si concluse nel 1987 con lo scoppio della prima Intifada, l’insurrezione della popolazione palestinese a Gaza e in Cisgiordania.

A differenza degli Stati arabi degli anni 50 e 80, organizzazioni come Hamas, Jihad islamica, Hezbollah o Global Jihad (Al-Qaeda e Daesh) adottano una dottrina di resistenza: la convinzione che nonostante gli ostacoli temporanei, lo storico conflitto con Israele, per quanto lungo possa essere, finirà con la sua distruzione come lo era una volta lo Stato crociato. La loro strategia mira a mantenere la violenza continua al fine di minare la volontà israeliana. Credono che il tempo e la demografia stiano lavorando a loro favore e vedono Israele come una società occidentale molle e paurosa, stanca del sacrificio e dipendente dal consumo.

Dal 1982, Israele ha usato la forza militare principalmente contro queste organizzazioni armate sub-statali in uno sforzo a lungo termine chiamato in ebraico “la guerra tra le guerre”. Questa logica è riassunta dall’espressione “falciare il prato”, una metafora che riflette la convinzione che il conflitto è insolubile, poiché per organizzazioni come Hezbollah e Hamas l’unico risultato possibile è la distruzione di Israele. Pertanto, l’uso della forza non è finalizzato al raggiungimento di una soluzione politica, vista all’inizio come impossibile, ma a minimizzare il più possibile la capacità del nemico di infliggere danni a Israele. Concettualmente, Israele è arrivato ad abbracciare la strategia della guerriglia: dal momento che non puoi battere il nemico sul campo di battaglia, lo dovrai logorare e lo spingerai all’errore.

I cicli di violenza seguono quindi una logica di logoramento. Il nemico attacca e Israele risponde, adattando la sua risposta ai danni subiti e al contesto politico e geopolitico. La guerra a bassa intensità, spesso clandestina, sostenuta da un’intelligence di alta qualità, prende di mira incessantemente persone, strutture, canali di finanziamento e approvvigionamento o regioni geografiche.

La chiave, quindi, sta nell’equazione della resilienza: la capacità della società israeliana di incassare senza compromettere le capacità dei nemici sub-statali di danneggiare e sconvolgere le loro vite. La strategia israeliana si basa su tre elementi: rafforzare la resistenza della propria società, indebolire la capacità di danneggiare i suoi nemici e infine rendere l’intera cosa sostenibile, perseverare, continuare a incassare e colpire incessantemente decennio dopo decennio.

Di fronte alla potente mobilitazione del fanatismo islamico e all’odio per “ebrei e crociati”, Israele sta dispiegando il suo vantaggio tecnologico, un’infrastruttura statale sviluppata e un efficace sistema di alleanze. Finché il prezzo del conflitto sarà percepito dalla società israeliana come tollerabile, non ci saranno né pressioni per una soluzione politica né scoraggiamento.

Quanto all’attrito diretto con popolazioni ostili, a seguito dell’amara esperienza acquisita in Libano, Cisgiordania e Gaza, a partire dagli anni 90 Israele ha perseguito una politica di disimpegno dalle aree abitate. Nel maggio 2000 Israele si è ritirato unilateralmente dal Libano meridionale e nel 2002, nel bel mezzo della seconda Intifada, ha costruito una barriera di sicurezza al confine occidentale della Cisgiordania. Infine, nell’agosto 2005, Israele si è ritirato completamente da Gaza. Tuttavia, nelle aree in cui lo Stato ebraico considera essenziale per la sua sicurezza – come la Cisgiordania – mantiene una presenza militare, sempre al di fuori delle aree densamente popolate. Questa guerra a bassa intensità è quindi condotta sempre più da entrambe le parti con fuoco a distanza, razzi (non missili) da un lato e unità speciali e piattaforme aeree dall’altro.

Nel corso degli anni, l’aviazione israeliana si è adattata a nuovi usi della forza. In stretta collaborazione con lo Shin Bet, ha perfezionato metodi per dare la caccia in modo efficace ai lanciarazzi e ai leader politici e militari. In entrambi i casi si tratta di cicli operativi estremamente brevi (pochi minuti) frutto di una rivoluzione tecnologica e organizzativa dominata dal networking di mezzi e piattaforme aeree pilotate da lontano.

Le azioni preventive, come quelle volte a impedire la fornitura di armi avanzate a Hezbollah e Hamas (compresi i mezzi per migliorare la portata e la precisione dei razzi) – raramente rivendicate da Israele – fanno parte della guerra tra le due guerre. Questa categoria comprende anche operazioni segrete contro l’intelligence straniera e le reti di finanziamento, nonché gli arresti preventivi di agenti terroristici, intesi a interrompere gli attacchi pianificati o a raccogliere informazioni.

Infine, l’uso intensivo di armi ad alta traiettoria (razzi e mortai) da parte del nemico ha costretto gli strateghi israeliani a riflettere e ad allocare risorse maggiori alla difesa. Da tempo ossessionato dalla logica offensiva, Israele è arrivato a sviluppare un sistema di difesa il cui primo livello è la cupola di ferro per l’intercettazione di proiettili di mortaio e razzi a corto e medio raggio. Il guadagno è duplice. Politicamente, ridurre al minimo i danni alla proprietà e la perdita di vite umane lascia la scelta dei tempi e della portata della risposta al governo israeliano. Allo stesso modo, il rapido sviluppo e la produzione di un sistema così potente ha consentito all’industria della difesa israeliana di offrire ai propri clienti una soluzione unica. Come in passato con i droni, un problema operativo diventa un vantaggio tecnologico e operativo insieme a una linea di attività economica.

Tuttavia, questa strategia ha i suoi limiti. Operazione Scudo Difensivo in Cisgiordania nell’aprile 2002, seconda guerra in Libano nel 2006, operazioni a Gaza nel 2008-2009, 2012 e 2014: tante “piccole guerre” che durano giorni, anche settimane, paralizzano lo Stato di Israele con costi alti. I risultati ci sono ma sono fragili: l’operazione Defensive Shield ha distrutto la seconda Intifada e la guerra in Libano nel 2006. Grazie a operazioni israeliane più o meno segrete, nonché a causa del coinvolgimento di Hezbollah in Siria, il confine israelo-libanese ha goduto negli ultimi quindici anni di una tregua senza precedenti dal 1968.

72 anni dopo la sua fondazione e 140 anni dopo i primi risultati del progetto nazionale ebraico, Israele e il sionismo non hanno ancora trovato una risposta adeguata alla domanda posta loro dall’inizio: quale posto per gli arabi (diventati Palestinesi) su questa terra?

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA