CAPO PLAZA, RISSA COI FAN PER UNA FOTO/ Video choc: “Mi fa schifo la violenza”

- Dario D'Angelo

Capo Plaza, video choc rissa in un ristorante in Sardegna con i fan per una foto. Loro chiedono selfie, lui rimanda ed è delirio nel locale.

capo plaza 2019 instagram
Capo Plaza, foto da Instagram

Capo Plaza è stato coinvolto in una rissa in Sardegna scoppiata tra i fan per una foto. Il pubblico è letteralmente insorto contro il rapper salernitano dandogli del ‘figo altezzoso’, ma a chiarire la sua posizione è stato proprio il rapper che tramite i social ha confermato di stare bene raccontando per filo e per segno come è andata la vicenda. Il rapper si trovata in Sardegna per una serata quando è stato avvicinato da una fan che gli ha chiesto una foto; Capo Plaza non si è sottratto, ha semplicemente invitato il fan a tornare dopo. A quel punto il fan ha cominciato ad insultare il rapper e lo staff arrivando al gesto estremo: alzare le mani su un membro del team del rapper. “Senza volerlo siamo stati tutti coinvolti nella rissa ed è andata come andata” ha detto Capo Plaza che ha voluto sottolineare di esser contrario ad ogni forma di violenza. “Non sono una persona violenta, non prenderei mai l’iniziativa di alzare le mani su qualcuno” precisa il rapper che ha deciso di non tornare più sulla vicenda prima però di precisare un’ultima cosa: “ricordate che gli artisti sono persone, non manichini, né scimmie da intrattenimento. Nulla è più importante del rispetto”. (aggiornamento di Emanuele Ambrosio)

CAPO PLAZA AGGREDITO IN SARDEGNA PER UNA FOTO

Il dibattito sulla maxi rissa in cui è stato coinvolto Capo Plaza divampa sui social. C’è chi difende il rapper, spiegando che gli insulti sono stati fuori luogo al pari della violenza che ne è scaturita, e c’è chi ha giustificato il rapper, spiegando che doveva difendersi dall’aggressione. «Lascia perdere gli ignoranti come hai detto il RISPETTO viene prima di tutto e hai fatto benissimo a difenderti», ha scritto ad esempio un utente. Non mancano le teorie complottiste di chi ritiene che sia stato tutto organizzato per provare a rovinargli l’immagine. «E poi sbaglio o chi ha fatto il video era già messo in posizione? Sbaglio o si sente un ragazzo ridere a fine video?», scrive un utente tra i commenti all’ultimo post di Capo Plaza. Ma non mancano le critiche e gli attacchi: «Ti senti figo, solo perché sei famoso…..hai rifiutato una foto, sicuramente con tono altezzoso….ma bello mio ti è andata male». Il diretto interessato dal canto suo ha fornito la sua versione, che vi abbiamo riportato, e non è più tornato sulla vicenda. (agg. di Silvana Palazzo)

CAPO PLAZA, RISSA IN UN LOCALE PER UNA FOTO

Capo Plaza coinvolto in una maxi rissa con i fan in un locale per una foto. Il giovane rapper classe 1998, come si evince dal video pubblicato sulla pagina Facebook “Il Rap è la mia strada”, è stato protagonista di una furiosa scazzottata mentre si trovava in un locale in Sardegna. La tensione non è scaturita nel corso di un concerto come accaduto qualche giorno fa ad un collega di Capo Plaza, Young Signorino, che sentendosi provocare da alcuni ragazzi presenti nel pubblico aveva rifilato un ceffone ad uno di loro. Stando a quanto emerso finora, infatti, sembra che Capo Plaza si trovasse in un ristorante per cenare tranquillamente quando un gruppetto di persone si sarebbe avvicinato per richiedere una foto insieme a lui. Il rapper, sentendosi disturbato, avrebbe rifiutato il selfie e a quel punto la tensione è aumentata fino ad esplodere…  E le immagini circolate sui social nelle ultime ore parlano in tal senso molto chiaramente.

CAPO PLAZA, RISSA CON I FAN

Non è chiarissima la dinamica dell’accaduto, non si sa se tra Capo Plaza e i sei ragazzi che lo hanno preso di mira siano volate parole grosse prima di passare alle mani, fatto sta che il video pubblicato sulla pagina Facebook “Il Rap è la mia strada” è emblematico della violenza che ha caratterizzato la rissa nel locale della Sardegna. Sedie buttate all’aria e utilizzate come oggetti contundenti, rumore infernale, urla, calci e pugni in pieno volto mentre il rapper, atterrato, continuava a scalciare da terra per rispondere a quello che è sembrato essere un vero e proprio pestaggio. Tra i commenti al video c’è anche quello di un testimone “indiretto” dell’accaduto, che ha scritto: “Io ero a Porto Rotondo l’altra sera (8 agosto), l’ho sentito suonare fino alle 5 e non sapevo di questo fatto. Ho visto solo la macchina della polizia che aveva un ragazzo tutto tatuato con loro…“. Ma cosa è successo esattamente? Se lo chiedono in molti.

LA VERSIONE DI CAPO PLAZA

Visto il clamore mediatico suscitato dalla pubblicazione del video della rissa, Capo Plaza ha deciso alcune ore fa di intervenire sulla sua pagina Instagram per fornire la sua versione dei fatti. In una Instagram Stories, il rapper ha scritto: “Mi state chiedendo in tanti come sto perché è iniziata a girare la notizia. Voglio spiegare in prima persona, non voglio che qualcuno inizi a dire bugie su quello che è successo. Ieri in Sardegna una persona si è avvicinata per chiedermi una foto, io gli ho risposto che l’avrei fatta dopo. Alla mia risposta ha iniziato ad offendere me e il mio staff e poi ha alzato le mani su un membro del mio team. Senza volerlo siamo stati tutti coinvolti nella rissa, ed è andata com’è andata. Non sono una persona violenta, non prenderei mai l’iniziativa di alzare le mani su qualcuno, chi mi conosce lo sa, alla fine non mi importerà di cosa penseranno gli altri, so chi sono e non ascolterò le voci. Il luogo dove sono nato per fortuna mi ha insegnato a difendermi quando qualcuno vuole fare l’arrogante e anche per questo sarò sempre grato a Salerno. Mi fa schifo la violenza ma mi fa schifo ancor di più chi senza alcun motivo aggredisce me e i miei amici. Non parlerò più dell’accaduto, ma ricordate che gli artisti sono persone, non manichini né scimmie da intrattenimento. Nulla è più importante del rispetto“.



© RIPRODUZIONE RISERVATA