Carla Cenacchi chi è/ “Mio marito? Così un giorno, di colpo è morto…” (Le Ragazze)

- Fabiola Iuliano

Carla Cenacchi si racconta questa sera su °Rai 3 nel nuovo appuntamento con Le Ragazze. Il matrimonio per procura, il viaggio in Perù e…

carla cenacchi le ragazze
Carla Cenacchi (Le Ragazze)
Pubblicità

Quella che questa sera Carla Cenacchi, 83 anni, racconterà a Le Ragazze è la storia di un’italiana all’estero che con determinazione e passione è riuscita a costruirsi una nuova esistenza. Approdata in Perù agli inizi degli anni ’50 dopo aver contratto un matrimonio per procura, spinta dalla nostalgia e dalla distanza, dà il via a uno scambio epistolare con sua madre. Tra le pagine di quelle missive, segreti di cucina, ricette e piccoli consigli, che con il tempo hanno spinto Carla a migliorarsi in ambito culinario. D’altra parte, le diceva sua madre nelle lettere, “è attorno al cibo che si tiene unita la famiglia”. Ed è così che, giovanissima, comincia a ricreare i sapori della sua terra, l’Emilia Romagna, nei territori peruviani; prima come rimedio per sconfiggere la nostalgia, poi per passione. Seconda di nove fratelli, dopo aver insegnato italiano ai “cholitos”, i figli degli operai, decide di fare il grande salto: nasce così il suo ristorante italiano a Lima, un mix di sapori e gusti che hanno conquistato un immediato successo.

Pubblicità

Carla Cenacchi: “ho avuto dei problemi e ho preso matita e fogli”

“Il tutto è frutto degli insegnamenti della mamma, che mi disse: quando hai dei problemi prendi una matita e scrivi”. È con queste parole che Carla Cenacchi ha spiegato come sua madre sia riuscita a cambiarle la vita, anche a distanza, attraverso le sue ricette. “Come tutti – ha spiegato l’ospite di Gloria Guida su Notizie Fabbriani – ho avuto dei problemi e ho preso matita e fogli”. Ad accompagnarla nella sua avventura a Lima, tra ricette, nostalgia di casa e nuove avventure, la presenza costante di suo marito, un bolognese emigrato in Perù che la Cenacchi ha sposato prima di aver compiuto 21 anni. L’uomo, che a Lima insegnava presso il Collegio Salesiano, dopo qualche tempo decise di trasferire tutta la sua famiglia in un’azienda agricola a Huaraz, dove cominciò ad apprendere il mestiere agricolo, mentre sua moglie perfezionava, giorno dopo giorno, le ricette della tradizione italiana.

Pubblicità

Il dolore per la morte del marito: “non c’è stato nulla da fare”

A segnare profondamente Carla Cenacchi fu l’improvvisa scomparsa di suo marito: “eravamo tornati in Italia”, ricorda la Cenacchi. “Un giorno, all’improvviso, mentre stavamo raggiungendo la nostra amata casa di Rasiglio per chiudere le finestre poiché era in arrivo una nevicata si è sentito male e non c’è stato nulla da fare”. La vita di Carla Cenacchi, nei suoi 50 anni di permanenza in America Latina, è stata segnata da una serie di esperienze, che verranno ripercorse questa sera nel programma di Gloria Guida. Esperienze che la stessa protagonista definisce “nuove, belle e strampalate”, tutte, però, in compagnia del suo amato marito. Oggi quelle esperienze sono state messe nero su bianco in un libro dal titolo “Dall’Appennino alle Ande e Ritorno”, la cui dedica è un messaggio d’amore alla sua famiglia: “Grazie e un abbraccio a miei due figli. Senza di loro, oggi, non potrei vivere i miei quattro volte vent’anni”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità