Carlo Conti/ “Mia moglie Francesca Vaccaro? Avrei dovuto sposarla prima”

- Emanuele Ambrosio

Carlo Conti torna alla guida della nuova edizione La Corrida 2020 su Rai1 e rivela: “i dilettanti fanno la differenza con altri talent show”

Carlo Conti
Il conduttore Carlo Conti
Pubblicità

Carlo Conti è pronto per la nuova edizione de “La Corrida 2020“, il talent show di successo in partenza da venerdì 21 febbraio 2020 in prima serata su Rai1. Il conduttore, reduce dal grandissimo successo di “Panariello Conti Pieraccioni, lo show” che ha registrato un record di ascolti, si conferma ancora una volta il padrone di casa del celebre talent show portato al successo da Corrado. Intervistato da Tv Sorrisi e Canzoni, Conti ha anticipato qualche piccola novità del programma: “c’’è sempre qualche piccola variazione. “La Corrida” è stato il primo talent show e oggi in tutti i talent c’è una giuria. Quest’anno abbiamo tolto il balletto del pubblico e abbiamo inserito proprio i giudici: prenderemo ogni sera un po’ di concorrenti delle passate edizioni e un po’ di pubblico. Saranno loro a commentare le esibizioni”. Il segreto del programma è senza alcun dubbio la partecipazione di dilettanti allo sbaraglio come ha confermato lo stesso conduttore: “i protagonisti non fanno queste cose di mestiere, ma per passione. Sono tutti dilettanti. È questa la differenza con altri talent show dove ci vanno i bravi o quelli che pensano di esserlo…”.

Pubblicità

Carlo Conti a La Corrida 2020: “abbiamo visto 6.000 persone”

Durante l’intervista rilasciata a Tv Sorrisi e Canzoni, Carlo Conti ha parlato anche dei casting de La Corrida che si sono tenuti in lungo e in largo in tutta Italia: “ci sono autori che girano il Paese e fanno una prima scrematura. Finora abbiamo visto 6.000 persone. Una volta concluse le selezioni, decidiamo il cast delle singole puntate dove proporremo una decina di concorrenti per volta”. Parlando di come funzionano i provini, il conduttore ha rivelato: “vengono scartati quelli che hanno già fatto troppe apparizioni in altre trasmissioni o quelli che sono improponibili. Quelli scelti sono divertenti e soprattutto hanno lo spirito giusto per lasciarsi andare. Inoltre sono consapevoli che, anche se fischiati, hanno avuto la gioia di esibirsi e di essere protagonisti per una sera”. Non solo, Conti ha anche sottolineato come nessun concorrente fischiato sul palco venga poi consolato dietro le quinte: “non ho mai visto un concorrente che, pur fischiato, sia andato via arrabbiato. L’importante è avere la ribalta. Nessuno ci è mai rimasto male perché non ha vinto. Qui non c’è una gara o l’ansia di passare il turno. Tutti vincono un’esibizione”. Il programma è uno dei più amati del piccolo schermo, ma anche dal figlio Matteo come ha raccontato lo stesso papà Carlo: “mio figlio Matteo, che ha appena compiuto sei anni. L’altro giorno mi ha chiesto: “Ma quando riprendi il programma dove suonano le campane, fischiano e fanno gli applausi?”.

Pubblicità

Carlo Conti e la moglie Francesca Vaccaro: “l’avrei voluta sposare tre o quattro anni prima”

Oltre al successo nella vita professionale, Carlo Conti si gode la serenità e la felicità nella vita privata. Il conduttore è felicemente sposato con Francesca Vaccaro da cui ha avuto anche un figlio di nome Matteo. Una gioia che Conti ha raccontato così a Di Più Tv: “da quando è nato mio figlio ogni giorno è una scoperta… Preferisco senza dubbio la vita di adesso rispetto a quella di una volta”. Il volto noto della Rai ha anche parlato del suo passato da “dongiovanni” precisando come la sua vita sia cambiata, in meglio, dopo l’incontro e il matrimonio con Francesca: “quando l’ho conosciuta, l’insopprimibile desiderio di amare più donne possibile si è trasformato nell’aspirazione ad amarne una sola. Possibilmente per sempre. L’unico rammarico che ho ogni tanto è di non aver sposato Francesca almeno tre o quattro anni prima, invece di fare un po’ il ragazzaccio e di tirarla un po’ per le lunghe”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità