CARMEN CONSOLI OSPITE DI X FACTOR/ Max Gazzè al basso e omaggio a Franco Battiato

- Emanuele Ambrosio

Carmen Consoli ospite di X Factor presenta dal vivo il nuovo album “Volevo fare la rockstar”: “credo si debba tornare a dare più importanza al cuore”

carmen consoli 640x300
Carmen Consoli

Tra la fine della prima manche e l’inizio della seconda, nella prima puntata dei Live di X Factor, si è esibita l’ospite di questa sera: Carmen Consoli. La nota cantante ha voluto presentare il suo nuovo album dal titolo “Volevo fare la rockstar”. A breve inizierà il suo tour, finalmente con capienza al 100%.

Carmen Consoli ha cantato uno dei suoi più grandi successi, ovvero “L’ultimo bacio”, per poi presentare il nuovo singolo “Qualcosa di me che non ti aspetti”. La cantante con alcune note ha voluto rendere omaggio all’amico Franco Battiato, scomparso a maggio scorso. A sorpresa, nella band che l’ha accompagnata, c’erano anche gli artisti Max Gazzè al basso e Marina Rei alla batteria. (Agg. di Chiara Ferrara)

Carmen Consoli ospite della 1a puntata di X Factor: presenta “Volevo fare la rockstar”

Carmen Consoli ospite della nuova puntata di X Factor. A distanza di poche settimane dal lancio del nuovo attesissimo album di inediti “Volevo fare la rockstar” la cantantessa italiana è pronta a regalare una sua performance live. Un grande ritorno quella di Carmen che, dopo diversi anni di silenzio musicale, ha deciso di rompere il ghiaccio con un disco matura e fortemente intimo. A cominciare dalla copertina del disco: una sua foto di quando era una bambina con tanto di grembiulino bianco e fiocco rosa. In mano tiene una penna e la cantautrice fa notare: “se ci fai caso, la penna che tengo in mano è smangiucchiata, ero nervosa perché a scrivere ero più lenta degli altri bambini”. Intervista da Vanity Fair, la Consoli ha raccontato: “sono una mancina corretta: usavo la sinistra, mi dissero che non si doveva fare”.

Sui banchi di scuola, Carmen sognava già di fare la rockstar. “Tutto comincia proprio dalla scuola, grazie al potere dell’immaginazione: guardavo la lavagna, magari c’erano disegnati gli insiemi, e sognavo ad occhi aperti” – ha dichiarato la cantante – “una chitarra vera, certo, ma anche un palco, le luci colorate e la gomma da masticare, quella rosa. Perché ero convinta che una rockstar dovesse saper fare le bolle”.

Carmen Consoli: “Nel disco Volevo fare la rockstar parlo di anime in carriera”

La musica è sempre stata importantissima nella vita di Carmen Consoli che da ragazzina è letteralmente impazzita quando le hanno regalato una musicassetta di Elvis Presley. “La consumai dentro il mangianastri” – ha raccontato dalle pagine di Vanity Fair ricordando – “in Sicilia erano gli anni delle faide, mi capitava spesso di vedere un uomo disteso sotto al telo bianco, che spuntavano soltanto le scarpe, sempre di pregevole fattura perché al Sud ci tengono: ecco, quando la realtà non mi metteva a mio agio, sognavo. Mi aggrappavo alla musica, e sognavo”. Una ragazzina cresciuta a sogni e fantasia e non lo nasconde, anzi proprio la cantante ha raccontato quanto sia stata importante la sua famiglia. “Ho avuto la fortuna di nascere in una famiglia di sognatori” – ha dichiarato – “i miei genitori mi distraevano dalle cose brutte che succedevano intorno a noi. Mi dicevano di pensare alla musica, soprattutto mi hanno insegnato a prendermi il tempo per sognare”.

Infine parlando del nuovo album di inediti ha rivelato: “parlo di anime in carriera, perché ho la sensazione che oggi si insegua la performance a tutti i costi, il successo come imperativo categorico. Credo si debba tornare a dare più importanza al cuore, a valori extra sociali come la felicità, che certo non dipende dal PIL”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA