Cashback 300 euro/ Ecco cos’è e come ottenerlo con Poste Italiane

- Maria Melania Barone

Cashback 300 euro, non più quello di stato, ma quello di Poste Italiane: ecco in cosa consiste e come ottenere fino a 300 euro al mese.

pagamento_pensioni_poste_bancomat_soldi_denaro_monete_lapresse_2018
Lapresse

Niente più cashback di stato? Ci pensa Poste italiane a restituire fino a €300 al mese ai suoi clienti. Il cashback introdotto dal vecchio governo Conte e non più riconfermato da Draghi, aveva riscosso molto successo. Così Poste italiane ha deciso di proporre una vecchio “regalo“, utile anche alla fidelizzazione dei clienti. Vediamo in cosa consiste il cashback di 300 euro di Poste Italiane.

Cashback 300 euro: in cosa consiste

Si tratta del cashback di 300 euro che percepiscono coloro che hanno diverse linee di credito attive presso Poste italiane come coloro che hanno un’assicurazione stipulata, hanno aperto un libretto di risparmio oppure un fondo pensione, si sono creati una carta di credito oppure hanno una Postepay.

In pratica Poste italiane rimborserà al consumatore che effettuerà un pagamento elettronico (e quindi tracciabile) una percentuale della somma investita per gli acquisti.

Il rimborso di 10 euro al giorno sarebbe dovuto scadere il 30 maggio, ma è stato prorogato fino al 30 giugno 2022 dove sarà possibile ottenere cashback di 300 euro al mese.

Cashback 300 euro: come ottenerlo

Per poterlo ottenere è necessario scaricare l’app Postepay associare il proprio bancomat alla propria carta di credito. In assenza di questa associazione Il servizio non funziona, quindi non basta semplicemente pagare in maniera tracciabile.

Una volta svolto questo step bisognerà procedere con i propri acquisti che consentiranno la ricezione di €1 per ogni €10 spesi. Si tratta dunque della percentuale del 10% però con un massimo di €10 al giorno. Dunque si potrà spendere €100 al giorno per ricevere indietro 10 euro, per questo viene stabilito il massimo di €300 al mese.

Chi ha scoperto questa possibilità di risparmio proprio agli ultimi istanti, c’è la possibilità di ricevere una discreta somma di arretrati fino ad un massimo di €600.





© RIPRODUZIONE RISERVATA