CASO GENOVESE, PARLA KRISTINA/ Droga, champagne e modellari: “sindrome da sceicco”

- Hedda Hopper

Caso Genovese, testimonianza choc a Live Non è la d’Urso, fari puntati sulle feste e non solo quella di Terrazza Sentimento

alberto genovese
Alberto Genovese, foto Twitter

A Live Non è la D’Urso si torna sul Caso Alberto Genovese con la testimonianza choc di Kristina, una ex amica dell’imprenditore che rivela: “nel giro di Genovese nessuno ha parlato perchè ci guadagnavano loro. Spesso le ragazze sono modelle straniere, vengono qui solo per qualche shooting o per la settimana della moda e finiscono a queste feste tramite i modellare”. La ragazza racconta quando ha conosciuto l’imprenditore: “la prima volta che ho conosciuto Genovese avevo 18-19 anni perchè un modellaro mi fa andiamo in piscina e sono finito a casa sua. Non sapevo chi fosse, non sapevo niente, lui in piscina ha cercato di approcciarmi. Sin dal pomeriggio c’era la droga, champagne, ne ho fatto uso. Poi sono andata via, ma siamo rimasti in contatto”. La ragazza prosegue il suo racconto: “lui mi invitava anche ad Ibiza, gli piacciono le ragazze molto giovani e belle. Lui aveva una sindrome da sceicco, circondato da tante belle ragazze e nessun uomo, gli unici presenti”. (aggiornamento di Emanuele Ambrosio)

Caso Genovese, rivelazioni choc questa sera a Live Non è la d’Urso

Il caso Genovese è ormai diventato un momento imprescindibile delle trasmissione Mediaset. Da Live Non è la d’Urso a Mattino5 e Quarto Grado, tutti si occupano, in porzioni e punti di vista differenti, di quanto è successo a Terrazza Sentimento, a quelle ormai famose feste con eccessi legati a droghe e alcolici. Anche questa sera Barbara d’Urso darà spazio alla cronaca e alle ultime novità sul caso annunciando ancora rivelazioni clamorose sui famosi festini e anche quelli che erano i meccanismi di reclutamento delle ragazze e di formazione delle famose liste di invitati. Le ultime novità arrivano però da Quarto Grado dove, nella puntata di venerdì scorso, ha parlato l’amica della giovane violentata. Secondo quanto ha raccontato la giovane sembra proprio che abbia lasciato l’appartamento quella sera senza riuscire a vedere o salutare la sua amica e che solo il giorno dopo ha ricevuto messaggi in cui lei le chiedeva di raggiungerla e le spiegava che la situazione era diventata pericolosa e che temeva il peggio anche per la sua vita.

Daniele Leali e la fidanzata di Genovese iscritti sul registro degli indagati

Lei stessa ha poi raccontato la scena raccapricciante che le si è presentata davanti in quel momento quando si è trovata al cospetto dell’amica vestita con cose non sue, con un solo calzino corto, un piede nudo e uno stivale in mano. Piangendo disperata la giovane le avrebbe subito rivelato di essere stata violentata da Alberto Genovese e altri uomini che erano presenti nella stanza mostrando poi i suoi lividi. Proprio sulla questione degli uomini rimane un punto interrogativo visto che queste sue rivelazioni potrebbero essere il risultato di alcune allucinazioni legate al mix di droghe che ha assunto, per suo volere e non, durante la festa a Terrazza Sentimento e subito dopo nella stanza dell’imprenditore. Molti protagonisti di queste feste hanno detto la loro in queste settimane mentre le indagini proseguono. Secondo le ultime novità sembra che anche Daniele Leali, braccio destro di Genovese, sia indagato e che questo sia un atto dovuto per approfondire meglio la sua posizione. Nei giorni scorsi è finita sul registro degli indagati anche la fidanzata di genovese per presunta complicità in una violenza durante una festa di Ibiza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA