Caterina Collovati vs Brozovic: “alticcio al Pronto Soccorso”/ “Preferisco Spanò…”

- Stella Dibenedetto

Caterina Collovati contro Brozovic, il calciatore dell’Inter che ha inveito contro i medici dopo essere arrivato alticcio al pronto soccorso.

caterina collovati diletta leotta
Caterina Collovati

Caterina Collovati si scaglia contro Brozovic, il calciatore dell’Inter che, dopo aver accompagnato al pronto soccorso dell’ospedale San Carlo di Milano un amico, ha inveito contro i medici che sono stati costretti a chiamare i carabinieri per calmare il calciatore. Dopo aver appreso la notizia, la moglie di Fulvio Collovati, ha espresso la propria opinione sul caso pubblicando un post sulla sua pagina Instagram. Va una sera all’ospedale San Carlo di Milano, decisamente alticcio, pretende una visita immediata per un amico, non grave. Il pronto soccorso è pieno di casi più importanti del suo amico. La situazione degenera. Chiamano i carabinieri. Pochi giorni prima, sempre alticcio, gli era stata ritirata la patente, per essere passato con il semaforo rosso”, scrive la signora Collovati condannando l’atteggiamento del nazionale croato.

CATERINA COLLOVATI: “A BOZOVIC PREFERISCO ALESSANDRO SPANO'”

Caterina Collovati condanna senza appello l’atteggiamento di Brozovic e porta come esempio positivo quello di Alessandro Spanò, il 26enne capitano della Reggiana che, dopo aver conquistato la serie B con la propria squadra, ha deciso di abbandonare il calcio per intraprendere una carriera nel settore economico dopo aver conseguito la laurea. “Nel calcio odierno esiste Alessandro Spanò, 26 anni, capitano della Reggiana, laureato in Economia. Vince il campionato con la sua squadra e arriva in serie B, contemporaneamente vince una borsa di studio, può accedere ad un’ importante business school. Sceglie la carriera finanziaria, abbandona il calcio. Lascia un futuro avviato, la popolarità, il sogno di tutti i ragazzini”, scrive su Instagram la Collovati che, a conclusione del suo messaggio, aprovva la scelta di Spanò con molti suoi followers che si sono detti d’accordo con lei.

Visualizza questo post su Instagram

Nel calcio odierno esiste Alessandro Spanò, 26 anni, capitano della Reggiana, laureato in Economia. Vince il campionato con la sua squadra e arriva in serie B, contemporaneamente vince una borsa di studio, può accedere ad un' importante business school. Sceglie la carriera finanziaria, abbandona il calcio. Lascia un futuro avviato, la popolarità, il sogno di tutti i ragazzini. Nel calcio odierno, dicevamo, esistono tante personalità., Esiste anche #Marcelobrozovic, nazionale croato, attualmente in forza all’ #inter. Va una sera all’ospedale San Carlo di Milano, decisamente alticcio, pretende una visita immediata per un amico, non grave… Il pronto soccorso è pieno di casi più importanti del suo amico. La situazione degenera. Chiamano i carabinieri. Pochi giorni prima, sempre alticcio, gli era stata ritirata la patente, per essere passato con il semaforo rosso. Io preferisco decisamente #alessandrospanò. Non so voi.

Un post condiviso da Caterina Collovati (@caterinacollovati) in data:



© RIPRODUZIONE RISERVATA