Ceriale, 34enne morto per annegamento/ Stava tentando di salvare bimbi in difficoltà

- Emanuela Longo

Giovane 34enne morto per annegamento a Ceriale dopo aver tentato di mettere in salvo dei bambini in difficoltà: il dramma questa mattina

ardenno
Immagine di repertorio (Pixabay)

Dramma a Ceriale, piccolo comune in provincia di Savona, dove questa mattina un giovane uomo di 34 anni è morto per annegamento. A riportare la notizia ricostruendo quanto accaduto in questa domenica 30 agosto è stato il quotidiano online IVG.it: la tragedia si è consumata nel tratto di mare all’altezza dei Bagni San Sebastiano, poco dopo le 11.30. Secondo quanto reso noto, nonostante il mare fosse molto mosso e caratterizzato da forti correnti, alcuni bambini si sarebbero tuffati in mare dalla spiaggia libera limitrofa, incontrando però molto presto grandi difficoltà a tornare a riva. Proprio mentre stavano per finire sugli scogli a causa delle forti onde, un uomo di 34 anni di Ceriale avrebbe deciso di tentare di metterli in salvo tuffandosi nelle acque mosse ma incontrando anche lui ben presto non poche difficoltà. Tra i bagnanti presenti sul posto e che hanno assistito alla scena ci sono stati così momenti di grande confusione e paura alla visione dei bambini e del 34enne tutti in balia delle grandi onde.

CERIALE, 34ENNE MORTO PER ANNEGAMENTO

Immediato a quel punto l’intervento di una bagnina che ha chiesto il supporto di altri colleghi al fine di riportare a riva i bambini e l’uomo, tutti in grande difficoltà e provati. Una volta terminate le operazioni di salvataggio, però, il 34enne è risultato privo di sensi. A quel punto sono state avviate le pratiche di rianimazione in attesa dei soccorritori della Croce Rossa e del 118 che hanno proseguito per ulteriori 20 minuti con diversi tentativi messi in atto per rianimare il bagnante ma alla fine non c’è stato più nulla da fare se non dichiararne il decesso. Dopo la morte del 34enne sono stati avviati tutti gli accertamenti del caso per fare luce sull’immane tragedia forse evitabile e che è costata la vita ad una persona. In corso le indagini da parte della Guardia Costiera in attesa dell’arrivo del medico legale e del nulla osta per la rimozione del cadavere. Dalle prima informazioni la morte sarebbe sopraggiunta per annegamento ma spetterà al pm di turno decidere se procedere o meno con l’autopsia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA