Chef Rubio in Rai?/ Maglie su proposta Italia Viva: “Dite voi a Liliana Segre che…”

“Chef Rubio in Rai”: Maglie stronca la proposta di Anzaldi (Italia Viva). Netta la replica di Salvini: “Ma ci sono o ci fanno???”

chef rubio rai
Chef Rubio (LaPresse)

Dopo l’addio a Discovery Channel ed al celebre programma “Camionisti in trattoria”, Chef Rubio è al centro delle polemiche. Le sue parole sulla separazione con la rete televisiva tematica non sono passate inosservate, così come l’audace proposta di Michele Anzaldi. Il segretario della commissione di Vigilanza Rai, deputato di Italia Viva, ha colto la palla al balzo: «Chef Rubio lascia Discovery: la Rai avrà il coraggio di proporgli un programma, magari che parli di ultimi e periferie e sappia interessare i giovani? Oppure ci sarà un pregiudizio politico per le sue idee? In questa Rai vengono ingaggiati solo biografi e supporter di Salvini?». L’idea dell’ex esponente del Partito Democratico ha mandato su tutte le furie Matteo Salvini, spesso insultato dal cuoco più social d’Italia: «I renziani vogliono Chef Rubio in Rai, pagato da tutti gli Italiani. Ma ci sono o ci fanno???».

CHEF RUBIO IN RAI? MAGLIE STRONCA PROPOSTA ITALIA VIVA

La proposta di Michele Anzaldi ha diviso il web ed ha ricevuto una stroncatura impressionante da Maria Giovanna Maglie: la giornalista ha bocciato l’idea su tutta la linea, ricordando alcune uscite infelici di Rubio. Ecco le sue parole: «Ecco a voi Michele Anzaldi di Italia Viva, all’opera. Pazzo di Rubio, dice che parla agli ultimi e interessa ai giovani, lo vuole in Rai. Certo, quando Rubio dice che Israele e’ uno Stato nazista, i sionisti un cancro, e’ un vero Maestro. Lo dite voi a Liliana Segre. Maglie fa riferimento alle parole del cuoco su Twitter risalenti a un mese fa: «I cecchini sionisti sparano sui bambini per uccidere e invalidare le generazioni future, così da rendere il popolo palestinese dipendente da Israele? Israele non è una democrazia!». Insomma, è bagarre: in attesa di capire se Chef Rubio approderà in Rai, sui social network scoppia il caos…

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA