Chiara Biasi, frase choc su Coronavirus/ “Nessuno che mi sta sul caz*o muore!”

- Silvana Palazzo

Chiara Biasi e la gaffe sul Coronavirus: frase choc dell’influencer. “Nessuno che mi sta sul caz*o muore!”, dice ad un amico e pubblica lo screen. Poi la bufera sui social…

chiara biasi 2020 ig
Chiara Biasi (Foto: Instagram)

Brutta gaffe di Chiara Biasi sul Coronavirus ed è bufera sui social. L’influencer ha pubblicato lo screen di una chat privata in cui aveva fatto una battuta sull’epidemia, poi per le grandi polemiche suscitate lo ha subito cancellato, ma ormai il danno era fatto. Cosa ha fatto infuriare gli utenti? Nella chat aveva scritto ad una persona, un amico: «E nessuno che mi sta sul caz*o che muore!». La sua ironia è piaciuta solo all’amico, infatti è stata subito sommersa da critiche, per le quali ha pensato di cancellare subito la storia, ma i suoi follower, che avevano salvato lo screen, lo hanno diffuso sui social e in rete. Non è tra l’altro la prima volta che Chiara Biasi viene attaccata: ad esempio, avevano fatto discutere le sue controverse dichiarazioni a “Le Iene” in uno degli scherzi degli autori del programma. In quell’occasione aveva dichiarato che non si sarebbe alzata dal letto la mattina per meno di 80mila euro. Un altro episodio che le ha causato impopolarità, poi la nuova gaffe.

CHIARA BIASI CHOC SU CORONAVIRUS: BUFERA SUL WEB

Chiara Biasi di nuovo nella bufera, stavolta per il Coronavirus. Il web si è scagliato contro l’influencer, che non ha dimostrato grande intelligenza. Scherzare su un’epidemia che solo in Italia ha fatto 107 morti non è indice infatti anche di sensibilità. Anche se ciò che ha scritto non è ciò che in realtà pensa (e ci piace pensare che sia così, ma chissà), ci sono persone che stanno vivendo dolorosamente questo periodo a causa della perdita di persone care. Lei che fa l’influencer per lavoro non si è dimostrata dunque un grande esempio. Comunque, mentre in rete aumentano i post critici nei suoi confronti, Chiara Biasi tira dritto senza neppure commentare quanto accaduto o fare delle precisazioni. Avrebbe potuto chiedere scusa per la sua “leggerezza”, ma finora ha continuato a pubblicare “storie” e post su Instagram come se niente sia accaduto. Ma cancellare una “storia” da Instagram non basta a eliminare dalla memoria degli utenti il ricordo di una clamorosa gaffe.



© RIPRODUZIONE RISERVATA