Chiara Ferragni “avvantaggia” Giulia De Lellis/ La gaffe: “Ho apprezzato molto!

- Valentina Gambino

Chiara Ferragni con una piccola gaffe ha “avvantaggiato” Giulia De Lellis nella promozione di un brand: ecco cosa è accaduto su Instagram.

chiara ferragni
Chiara Ferragni nuovo look - Foto Instagram

Chiara Ferragni “inciampando” ha involontariamente “avvantaggiato” Giulia De Lellis. Ma cosa è accaduto nelle ultime ore? Scopriamolo subito. Lavorando su Instagram, può anche capitare qualche piccola gaffe. E così, l’occhio attento di Alberto Dandolo, ha evidenziato proprio cosa è capitato di recente alla moglie di Fedez. La fashion influencer più famosa d’Italia ha pubblicizzato tramite le sue Stories, un marchio di cui proprio l’ex fidanzata di Damante è testimonial. Lo scatto è comparso in bella vista sulla pagina di “Blondesalad”. Ciononostante la Ferragni, dopo pochi attimi è ben presto corsa ai ripari, eliminando la foto. La De Lellis comunque, ha voluto commentare la “news”, proprio scrivendo il suo pensiero all’irriverente penna di Dagospia.

Gaffe di Chiara Ferragni “avvantaggia” Giulia De Lellis

“Quando posti per errore l’unica immagine che ti sei imposto di cestinare!”, ha scritto Alberto Dandolo su Instagram, aggiungendo: “Signora Ferragni ma cosa mi combina? Fa pubblicità alla mia adoratissima Giulietta? Signora Fedez stia più attenta, La vedo un po’ distratta! Forse è il caldo! La mia amata Giulia ora, grazie alla sua gaffe, farà vendere ancora più costumi a sto marchio!”. Sotto al post del buon Dandolo si è fatta viva proprio una delle dirette interessate. “Ho apprezzato molto, magari è stato voluto.. e se così fosse grazie Chiara”, ha scritto Giulia De Lellis, facendo intendere anche di essere in buoni rapporti con l’imprenditrice digitale più influente del nostro Paese. Gaffe con sorriso affrontata in maniera intelligente. A questo punto, per mettere da parte ogni tipo di eventuale rivalità, Chiara Ferragni avrebbe potuto mantenere lo scatto online. Di contro, la risposta di Giulia è stata perfetta, non c’è che dire.



© RIPRODUZIONE RISERVATA