“Chiedo scusa per Apu, indiano dei Simpson”/ Il doppiatore “Un insulto agli asiatici”

- Alessandro Nidi

Apu, personaggio indiano dei Simpson, storica serie animata, è stato oggetto di polemiche. Il doppiatore: “Chiedo scusa a tutti, ho sbagliato”

1280px Apu Nahasapeemapetilon 640x300.png
Apu de "I Simpson" (screenshot catturato e caricato da Alexdevil su Wikipedia)

Conoscerete o avrete visto almeno una volta nella vostra vita il volto di Apu Nahasapeemapetilon, personaggio indiano presente nella storica serie animata “I Simpson” e gestore di un market nella fittizia e immaginaria cittadina di Springfield. Ebbene, negli ultimi anni non sono mancate le polemiche su quest’ultimo, accusando gli autori di denigrare la popolazione asiatica attraverso la puntuale riproposizione di azioni derivate da stereotipi e da una cultura razzista nei confronti degli orientali. Apu era stato quindi eliminato dalla serie, ma il suo doppiatore, Hank Azaria, non riesce a darsi pace per avere prestato la propria voce per molto tempo al personaggio.

In occasione del podcast “Armchair Expert with Dax Shepard”, Azaria ha parlato proprio di questo argomento. Non dovete congratularvi con me per questa mia presa di posizione, perché in realtà io sono una grande parte di questo problema, tanto per cominciare – ha dichiarato, visibilmente dispiaciuto -. Quindi sto cercando di fare pubblica ammenda nel tempo, andando anche nelle scuole a scusarmi per quanto ho fatto”.

APU, INDIANO DEI SIMPSON: È RAZZISMO?

In merito al personaggio di Apu, indiano dei Simpson, Azaria ha rivelato di averne parlato anche con alcuni studenti provenienti dall’India e frequentanti la stessa scuola di suo figlio, per raccogliere le loro opinioni. Un diciassettenne, che non aveva mai visto una puntata de “I Simpson”, conosceva bene tuttavia il personaggio di Apu. “A questo punto è praticamente un insulto – ha proseguito Azaria –. Tutto quello che quel ragazzo sa è che è così che la sua gente è pensata e rappresentata per molte persone in questo Paese. Mi scuso davvero. È importante, scusatemi. Mi scuso per avere avuto un ruolo nel creare e nel partecipare a tutto questo. Una parte di me sente il bisogno di andare da ogni singola persona indiana in questo Paese e scusarsi personalmente. E a volte lo faccio”. Azaria attualmente presta ancora la propria voce a personaggi de “I Simpson”, come Moe Szyslak, ma ora è un importante sostenitore dei casting di attori di colore per dare voce a personaggi di colore.



© RIPRODUZIONE RISERVATA