Chiusa/ Il borgo dei borghi: comune in Trentino Alto Adige, tra vigneti e castagni

- Morgan K. Barraco

Chiusa, piccolo comune in provincia di Bolzano, in Trentino Alto Adige: tra le bellezze più interessanti della Valle Isarco

chiusa wikipedia
Chiusa, Wikipedia

Il piccolo Comune di Chiusa, in provincia di Bolzano, in Trentino Alto Adige, concorrerà nella prima puntata della trasmissione Il Borgo dei Borghi, in partenza da oggi, domenica 22 settembre, su Raitre con la seconda stagione. Il viaggio tra le bellezze nascoste d’Italia riparte dal piccolo centro di poco più di 5000 anime, di cui 500 residenti nell’antico borgo. Chiusa si trova esattamente nel cuore della Valle Isarco, circondato da vigneti e castagneti che, insieme alle rupi, ai masi sparsi, ai pascoli verdeggianti ed alle caratteristiche località che lo circondano rappresenta uno dei borghi tra i più belli del nostro Paese. Circondato dalle Alpi Sarentine da un lato e dalla splendida vista sulle Dolomiti dall’altro, Chiusa rappresenta il luogo magico per le vacanze all’insegna della bellezza e del relax. Nel 2002, il cuore del comune, ovvero la località medievale di Chiusa all’Isarco, è stata dichiarata uno dei borghi più belli d’Italia grazie al suggestivo monastero benedettino che rappresenta senza dubbio uno dei maggiori punti di interesse del comune.

CHIUSA, COMUNE IN GARA A IL BORGO DEI BORGHI

Chiusa è un comune situato nella provincia autonoma di Bolzano, nel trentino Alto Adige. Conta 5.198 residenti, di cui 500 abitano nel borgo storico della città. Chiusa è collocata lungo il fiume Isarco, ed insieme a sole altre sette località in Trentino Alto Adige può essere denominata città. E’ un borgo antico, risalente al periodo germanico prima della nascita di Cristo: lo testimonia un ricco ritrovamento di tombe risalenti al periodo. Inoltre, Chiusa intorno all’anno mille divenne una rinomata sede vescovile, ma venne successivamente trasferita a Bressanone. Ciò che fu di particolare rilevanza, è stato il Convento delle suore di clausura di Sabiona. L’interno del monastero riporta una sontuosa statua che raffigura Joachim Haspinger, il quale è ricordato per avere lottato con Andreas Hofer: entrambi unirono le proprie forze contro l’avanzata dell’esercito bavarese. Esso sorge sulla parte più alta di una rupe, ed è uno dei monumenti più antichi di epoca cristiana.



© RIPRODUZIONE RISERVATA