STEFANO D’ORAZIO, CIAO STEFANO AMICO PER SEMPRE/ Diretta: il gesto a fine concerto…

- Stella Dibenedetto

Ciao Stefano, amico per sempre è la serata-omaggio in onda questa sera su Rai1 a un mese dalla scomparsa di Stefano D’Orazio. Il significato del gesto che…

stefano dorazio 1 640x300

“Ciao Stefano Amico per sempre”, serata in ricordo di Stefano D’Orazio: commento live

Nel suo ultimo intervento a Ciao Stefano, amico per sempre, Stefano D’Orazio fa una precisazione sul gesto che compie nel momento in cui scende dal palco. “Può sembrare un po’ spocchioso, ma il senso è che lascio sul palco il Pooh e ricomincio a fare Stefano”. In pratica: una persona normale. E le persone “sono belle, medio belle, mediamente brutte, ma comunque non saranno mai gli artisti che uno si aspetta dall’altra parte”. Parole molto vere e significative: per quanto un personaggio pubblico possa essere virtuoso nel suo ambito di competenza (nel caso dei Pooh, la musica), questi non va mai idolatrato. Si tratta dopotutto di persone come tutti, che talvolta si sono ritrovate su quel palco senza sapere bene neanche loro il perché. (agg. di Rossella Pastore)

Ciao Stefano, amico per sempre: “Quella volta che fede sorridere il Papa”

Verso la fine del concerto, Stefano D’Orazio si prende la scena e – inevitabilmente – anche l’applauso. Così rievoca il suo addio ai Pooh nel 2009, un addio che giudicava definitivo e senza possibilità di ripensamenti: “Avevo già avuto l’emozione di scendere da questo palco e pensavo che – quella volta – fosse veramente per sempre. Ma rieccomi qui”. Poi manifesta il suo stato d’animo, già tradito dal sorriso stampato su quel volto un po’ stravolto dopo ore di concerto. Al di là della stanchezza, Stefano si dice “veramente contento che siano riusciti a convincermi”. Spazio a un nuovo aneddoto di Roby Facchinetti: risale al loro incontro con papa Wojtyła, che li accolse facendo loro notare come fosse ‘difficile’ fare gli artisti al giorno d’oggi. E Stefano, da buon romano con la battuta pronta, replicò: “Anche quello del papa non è un lavoretto da niente”. Ricorda Roby che l’allora pontefice sembrò apprezzare la battuta, e questa complicità rese il momento doppiamente bello. (agg. di Rossella Pastore)

Quell’abbraccio eloquente sul palco di Ciao Stefano, amico per sempre

Sul palco di Ciao Stefano, amico per sempre arriva il momento delle canzoni più musicalmente ‘dure’ e meno romantiche. È il caso de L’aquila e il falco, che vede Dodi impegnato in una performance incredibile alla ‘doppia’ chitarra elettrica. Non appena Roby prende la parola, dopo la canzone, tutti lo acclamano urlando il suo nome. In seguito, Riccardo Fogli torna sul palco e abbraccia Dodi, mentre insieme cantano In diretta nel vento. Lo slancio affettuoso parte da Dodi: è proprio l’abbraccio rassicurante di due vecchi amici e complici. “Stefano è un folle da una simpatia pazzesca”, racconta nel dietro le quinte. “L’aneddoto che mi viene in mente è questo: eravamo in Giappone, in una sala da te silenziosissima. A un certo punto lui, dal nulla, se ne esce con una frase in romanesco: ‘Bono, co’ che l’avete fatto?’ Mi fece morire dal ridere”. (agg. di Rossella Pastore)

Ciao Stefano, amico per sempre: Riccardo Fogli lasciato solo

Subito dopo i documenti – presumibilmente inediti – della prima parte, ha inizio su Rai1 il concerto vero e proprio. Fa impressione vedere il San Siro gremito di gente, 53mila persone che a colpo d’occhio sembrano quasi ‘ammassate’, il tutto per dare l’ultimo saluto alla loro band del cuore. Sì, perché il vero e proprio ‘addio’ al pubblico Stefano l’ha dato nel 2016, in occasione del loro 50esimo anno come Pooh, in cui hanno pensato di regalare ai fan questa réunion. Insieme, Riccardo Fogli e Roby Facchinetti intonano tutti i più grandi successi dei Pooh, e il pubblico fa loro da coro. Finita la prima sequenza di canzoni, tutti in platea si alzano in piedi. Roby spiega le tre ragioni che li hanno portati lì stasera: “Primo, per la nostra musica; secondo, per la nostra réunion; terzo, perché è il nostro grande compleanno”. Subito dopo, Fogli lascia il palco, perché i quattro stanno per cantare Io e te per altri giorni, il primo successo dei Pooh senza di lui: “Io la ascoltavo per radio, tutto solo… e adesso mi lasciano di nuovo solo!” (agg. di Rossella Pastore)

Inizia Ciao Stefano, amico per sempre

8 settembre 2016. I Pooh sono a bordo del loro furgone sull’autostrada all’altezza di Verona, direzione Milano San Siro. È là che si esibiranno nel concerto forse più importante della loro carriera, per celebrare il loro cinquantenario. In viaggio, i cinque componenti parlano del passato come fossero amici qualunque, e come se di lì a poco non dovessero salire sul palco più importante della loro vita. La prima testimonianza su Stefano è affidata alla voce di Red: “Stefano è l’amico che tutti vorrebbero avere. Quando parlo con lui di qualcosa – qualsiasi cosa – so che avremo un confronto corretto e da cui uscirò arricchito”. Ancora, una non meglio identificata voce fuori campo sottolinea come si potrebbe fare addirittura uno speciale tutto incentrato sulle cose belle di Stefano. Detto, fatto: si chiama Ciao Stefano, amico per sempre e va in onda questa sera su Rai1. (agg. di Rossella Pastore)

Ciao Stefano, amico per sempre: serata arricchita da materiale inedito

Appuntamento a tra poco con Ciao Stefano, amico per sempre, la serata-evento che Rai1 dedica a Stefano D’Orazio a quasi un mese dalla sua scomparsa. L’ex batterista, paroliere e responsabile manageriale dei Pooh è venuto a mancare dopo aver contratto il Covid-19, anche se la sua salute era già ampiamente indebolita da uno dei tumori peggiori e più difficilmente curabili di tutti: quello del sangue, la leucemia. Le immagini sono tratte prevalentemente da Pooh 50 – L’ultima notte insieme, il concerto del 2016 al San Siro di Milano che ha ospitato per la prima volta dopo 50 anni il gruppo bolognese al completo. La serata sarà arricchita anche da alcuni intermezzi con materiale inedito, come le immagini del backstage e un’intervista a D’Orazio realizzata nello stesso contesto. (agg. di Rossella Pastore)

ANTICIPAZIONI “CIAO STEFANO, AMICO DI SEMPRE”

A un mese dalla scomparsa di Stefano D’Orazio, Rai1 si prepara a dedicargli una serata speciale, sabato 5 dicembre alle 21.25. Viene ricordata la carriera dell’artista attraverso “POOH 50 – L’ultima notte insieme”. Un vero e proprio concerto evento che ha segnato il ritorno sul palco di tutti i componenti della band – Roby Facchinetti, Dodi Battaglia, Red Canzian, Stefano D’Orazio e Riccardo Fogli – per la prima volta in 50 anni. Se la musica sarà la protagonista della serata, sarà per il pubblico un piacere vivere momenti del tutto nuovi. Infatti lo show sarà arricchito anche da materiale inedito come le immagini del backstage e una preziosa intervista a D’Orazio registrata in quella circostanza. Un appuntamento davvero imperdibile per tutti i fan della band. (Aggiornamento di Anna Montesano)

IL RICORDO DI STEFANO D’ORAZIO SU RAI 1

Sabato 5 dicembre, in prima serata su Raiuno, ad un mese esatto dalla sua scomparsa, va in onda una serata omaggio a Stefano D’Orazio dal titolo “Ciao Stefano, amico di sempre”. L’ex batterista dei Pooh ha lasciato un vuoto enorme nel cuore della moglie e dei suoi storici amici che, questa sera, lo ricorderanno attraverso racconti inediti intervallati alle canzoni con cui i Pooh hanno scritto 50 anni di storia della musica italiana. Per ricordare Stefano D’Orazio come uomo e musicista saranno trasmesse alcune interviste, ma soprattutto l’ultimo concerto tenuto dai Pooh per festeggiare i 50 anni di carriera. Era il 2016 e per i Pooh e i loro fan fu un evento unico nel corso del quale regalarono se stessi e la loro musica ai fans.

LE PAROLE DI STEFANO D’ORAZIO E DEGLI AMICI DI SEMPRE

Ciao Stefano, amico di sempre sarà una serata speciale e molto emozionante per Roby Facchinetti, Dodi Battaglia, Red Canzian e Riccardo Fogli che hanno diviso con Stefano D’Orazio non solo la propria vita professionale, ma anche privata. Colleghi, ma soprattutto amici e fratelli per scelta. Stefano D’Orazio come ha raccontato più volte Dodi Battaglia nelle ultime settimane. Questa sera, tra una canzone e l’altra, ci saranno interviste alle persone che hanno condiviso un pezzo di strada con lui, immagini inedite del backstage del concerto del 2016 e un’intervista rilasciata dallo stesso Stefano D’Orazio che si è sempre raccontato con il sorriso regalando facendo così un ulteriore dono al suo pubblico.

LA SCALETTA DEL CONCERTO DEI POOH DEL 2016

Questa la scaletta del concerto evento del 2016 allo stadio San Siro dal titolo “POOH 50 – L’ultima notte insieme” e con cui sarà ricordato in modo speciale Stefano D’Orazio.

1. Giorni infiniti (da “Giorni Infiniti” – 1986)
2. Rotolando respirando (da “Rotolando Respirando” – 1977)
3. Dammi solo un minuto (da “Rotolando Respirando” – 1977)
4. Banda nel vento (da “Buona Fortuna” – 1981)
5. Vieni fuori [Keep On Running] (da “Per quelli come noi” – 1966)
6. In silenzio (dal singolo “In silenzio/Piccola Katy” – 1968)
7. Piccola Katy (dal singolo ” In silenzio/Piccola Katy” – 1968)
8. Nascerò con te (da “Alessandra” – 1972)
9. Io e te per altri giorni (da “Parsifal” – 1973)
10. Se c’è un posto nel tuo cuore (da “Asia non Asia” – 1985)
11. Amici per sempre (da “Amici per sempre” – 1996)
12. L’altra donna (da “Uomini Soli” – 1990)
13. Stai con me (da “Cento di queste vite” – 2000)
14. Se sai se puoi se vuoi (dal singolo “Se sai se puoi se vuoi/Inutili memorie” – 1974)
15. La gabbia [strumentale] (dal singolo “Risveglio/La gabbia” – 1977)
16. L’aquila e il falco (da “Dove comincia il sole” – 2010)
17. Il ragazzo del cielo (Lindbergh) [parte strumentale] (da “Boomerang” – 1978)
18. Risveglio [strumentale] (dal singolo “Risveglio/La gabbia” – 1977)
19. L’ultima notte di caccia (da “Viva” – 1979)
20. Viva [strumentale] (da “Viva” – 1979)
21. Pierre (da “Poohlover” – 1976)
22. In diretta nel vento (da “Rotolando Respirando” – 1977)
23. Stare senza di te (da “Il cielo è blu sopra le nuvole” – 1992)
24. 50 primavere (da “Il cielo è blu sopra le nuvole” – 1992)
25. Alessandra (da “Alessandra” – 1972)
26. Uomini soli (da “Uomini Soli” – 1990)
27. Quando una lei va via (da “Alessandra” – 1972)
28. Notte a sorpresa (da “Viva” – 1979)
29. Nel buio [I Looked In The Mirror] (da “Per quelli come noi” – 1966)
30. Domani (da “Ascolta” – 2004)
31. Parsifal (da “Parsifal” – 1973)
32. Per te qualcosa ancora (dal singolo “Per te qualcosa ancora/E vorrei” – 1974)
33. Dove sto domani (da “Buona fortuna” – 1981)
34. Cercando di te (da “Amici per sempre” – 1996)
35. La ragazza con gli occhi di sole (da “Oasi” – 1988)
36. Ci penserò domani (da “Boomerang” – 1978)
37. Pronto, buongiorno è la sveglia… (da “Boomerang” – 1978)
38. La donna del mio amico (da “Amici per sempre” – 1996)
39. Canterò per te (da “…Stop” – 1980)
40. La mia donna (da “Aloha” – 1984)
41. Dimmi di sì (da “Un posto felice” – 1999)
42. Noi due nel mondo e nell’anima (da “Alessandra” – 1972)
43. Il cielo è blu sopra le nuvole (da “Il cielo è blu sopra le nuvole” – 1992)
44. Tanta voglia di lei (da “Opera prima” – 1971)
45. Io sono vivo (da “Viva” – 1979)
46. Non siamo in pericolo (dal singolo “Non siamo in pericolo/Anni senza fiato”– 1982)
47. Chi fermerà la musica (da “Buona fortuna” – 1981)
48. Pensiero (da “Opera prima” – 1971)
49. Ancora una canzone (singolo inedito – 2016)
50. Finale (ad libitum)

© RIPRODUZIONE RISERVATA