Cina, nuove armi contro USA/ Missili e laser terrestri per fermare aerei americani

- Alessandro Nidi

La Cina si starebbe dotando di nuove armi contro gli USA, in particolare per quanto riguarda il settore aerospaziale

cina jet 640x300

La Cina starebbe lavorando alla realizzazione di nuovi armi in grado di stoppare le minacce provenienti dal cielo, con particolare riferimento agli aerei USA: è l’indiscrezione riferita in queste ore dalla testata giornalistica “The Sun”, secondo cui le nuove dotazioni tecnologiche in fase di creazione avrebbero lo scopo di “accecare” letteralmente i sensori appartenenti ai velivoli a stelle e strisce, o, più genericamente, nemici. Infatti, in un report diffuso dalla National Intelligence, il Paese del Dragone punta a superare l’armamentario tecnologico a disposizione della nazione americana già entro il 2022.

Sorpasso imminente, dunque? Parrebbe proprio di sì, come si legge nel documento pubblicato dal quotidiano: Pechino continua ad addestrare la sua milizia aerospaziale e a progettare nuove armi terrestri e aeree, distruttive e non, contro i satelliti” e “ha capacità tecnologiche contro le armi, utili a ottenere gli stessi benefici militari, economici e di prestigio che Washington si è guadagnata in questi anni di leadership”.

CINA, NUOVE ARMI CONTRO AEREI USA: CAMBIAMENTO GEOPOLITICO ALL’ORIZZONTE

La Cina, stando a quanto scrive “The Sun”, avrebbe già costruito missili e laser terrestri, pronti per essere puntati contro i sensori degli aerei o delle armi USA. Addirittura, basandoci esclusivamente sul rapporto della National Intelligence, la Cina dovrebbe dotarsi di una stazione spaziale nell’arco di tempo incluso fra il 2022 e il 2024, per poi effettuare alcune misure esplorative sulla Luna ed edificare sulla superficie satellitare una stazione di ricerca. “Pechino continuerà i suoi sforzi per aumentare l’influenza e il peso della Cina e diminuire quello degli Stati Uniti d’America. Si infilerà tra gli USA e i suoi alleati per promuovere nuove leggi internazionali che favoriscano il sistema autoritario cinese”. Ecco dunque che, improvvisamente, si stagli all’orizzonte un cambiamento di natura meramente geopolitica a livello internazionale, tanto che a Washington si sta studiando la situazione e si stanno prendendo contromisure alla stessa sin dal 2018, nel tentativo di contenere questa repentina escalation messa in atto dalla Cina.



© RIPRODUZIONE RISERVATA