Cina, ok a vaccini sui bimbi da 3 a 11 anni/ 76% popolazione ha ricevuto due dosi

- Alessandro Nidi

La Cina dà il proprio benestare alle inoculazioni dei vaccini anti-Covid sui bimbi d’età compresa fra i 3 e gli undici anni d’età

Bambini con mascherina a scuola nel mondo
Bambini con mascherina (Web, 2020)

La notizia è stata diffusa nel pomeriggio di oggi, lunedì 25 ottobre 2021: in Cina, i bimbi dai tre anni in su inizieranno a ricevere i vaccini contro il Coronavirus, mentre il 76% della popolazione nel Paese asiatico ha ormai completato il ciclo di vaccinazione, facendosi somministrare due dosi di sieri anti-Covid. Come riporta l’agenzia di stampa ANSA, le autorità di Pechino stanno continuando a seguire la politica di tolleranza zero nei confronti del virus SARS-CoV-2 e a “misurarsi con gli ultimi focolai, con i governi locali di città e di almeno cinque province che hanno emesso nei giorni scorsi gli avvisi sull’avvio dei piani vaccinali anche per i bambini fra i 3 e gli 11 anni d’età”.

CINA, SÌ AI VACCINI SU BIMBI DA 3 ANNI IN SU

Giova ricordare che già nel mese di giugno le autorità sanitarie cinesi avevano concesso l’autorizzazione di emergenza per l’inoculazione del vaccino contro il Covid-19 di Sinovac ai minori di età compresa tra i 3 e i 17 anni. Ad annunciarlo, all’epoca, era stato il presidente di Sinovac Biotech, Yin Weidong, alla televisione di Stato. Fino a quel momento, la campagna vaccinale di Pechino era limitata ai maggiorenni e le autorità sanitarie non avevano ancora dato il via libera alla somministrazione ai minori, ritenuti i soggetti a minore rischio di contagio.



© RIPRODUZIONE RISERVATA