CINA vs AUSTRALIA/ Controllo totale: così Pechino tiene in ostaggio studenti e prof

- Giuseppe Gagliano

La mano lunga della polizia cinese arriva a controllare gli studenti che vanno a studiare in Australia. Anche gli accademici australiani sono nel mirino degli studenti cinesi

cina studenti 1 lapresse1280 640x300
Studenti in Cina (LaPresse)

Le università australiane non sono riuscite a proteggere la libertà accademica degli studenti cinesi e degli accademici che criticano il Partito comunista cinese, secondo un nuovo rapporto di Human Rights Watch edito il 29 giugno

Il rapporto, intitolato They Don’t Understand the Fear We HaveHow China’s Long Reach of Repression Undermines Academic Freedom at Australia’s Universities descrive in dettaglio come il governo cinese mantiene la sorveglianza degli studenti della Cina continentale e di Hong Kong nei campus universitari australiani, e – sia direttamente che attraverso sostenitori pro-Pechino – intimidisce e molesta coloro che esprimono sostegno ai movimenti democratici

Attraverso interviste con dozzine di studenti e accademici attuali ed ex presso le università australiane, l’autrice del rapporto, Sophie McNeil, ha scoperto che “gli studenti pro-democrazia subiscono molestie e intimidazioni dirette da parte dei compagni di classe cinesi, comprese minacce di violenza fisica. Questi atti si sono verificati in vari ambienti, tra cui online, di persona e all’interno e all’esterno del campus”.

Il rapporto evidenzia anche tre casi in cui le famiglie degli studenti in Cina sono state visitate o è stato chiesto loro di incontrare la polizia in merito alle attività dei loro familiari in Australia. Anche se il rapporto ha rilevato solo tre casi in cui ciò è accaduto, ha scoperto che la prospettiva spaventa migliaia di studenti.

“La paura che ciò che hanno fatto in Australia possa portare le autorità cinesi a pubblicare o interrogare i loro genitori a casa ha pesato molto sulle menti di ogni studente pro-democrazia intervistato”, ha detto McNeil. “Era una preoccupazione costante che doveva essere valutata prima di prendere decisioni su cosa dire, ciò cui potevano partecipare e anche con chi erano amici”.

A Perth, un’organizzatrice di studenti universitari di Hong Kong ha detto all’ABC che la polizia l’ha informata di averla filmata a un raduno per la democrazia a favore di Hong Kong. Ha detto di essere stata seguita a casa da cittadini cinesi e di aver ricevuto minacce di morte. La polizia ha detto loro di andarsene e poi hanno aspettato in macchina e “ci hanno seguito fino al mio condominio. Più tardi quel giorno, quando sono scesa al piano di sotto per ritirare la mia consegna, ho visto quella macchina ancora lì”.

Anche gli accademici delle università australiane sono stati attaccati. Il nuovo rapporto ha rilevato che gli studenti e gli utenti dei social media che sostengono il governo cinese hanno sottoposto gli accademici a molestie, intimidazioni quando gli accademici si dimostrano critici nei confronti del Partito Comunista Cinese o discutono di questioni “sensibili” come Taiwan, Tibet, Hong Kong o Xinjiang.

Il rapporto cita un incidente nel gennaio 2021 in cui un media in lingua cinese pro-Pcc a Melbourne ha dettagliato le lamentele degli studenti sui riferimenti critici di un tutor della Monash University su due articoli on line dedicati alla sorveglianza cinese dei musulmani nella regione cinese dello Xinjiang: “Gli articoli calunniano il governo cinese, diffondono voci, seminano malcontento tra le etnie e hanno un forte sentimento anti-cinese”, hanno detto gli studenti ai media.

In un’e-mail ottenuta da HRW, l’accademico si è scusato con gli studenti per aver scritto gli articoli.

McNeil ha detto che è preoccupante che l’accademico di Monash abbia cercato di placare gli studenti scusandosi, scrivendo “Scusate ancora, le più sincere scuse per qualsiasi disagio causato” e dicendo agli studenti che potevano a scegliere di studiare un articolo diverso.

Le università australiane dipendono molto dagli studenti internazionali a pagamento, la maggioranza dei quali proviene dalla Cina. Nel 2019, il 27% delle entrate operative totali per il settore universitario australiano proveniva dalle tasse degli studenti internazionali. Alcune università dipendono più dalle tasse di altre, vale a dire Rmit (38,4%) e Monash (36%).

Il Covid-19 ha colpito duramente il settore universitario australiano, con una perdita prevista del commercio internazionale dell’istruzione pari a 18 miliardi di dollari australiani. Finora sono stati persi oltre 17mila posti di lavoro.

Secondo il Center for Independent Studies152.712 studenti cinesi si sono iscritti alle università australiane nel 2018, più dei successivi sei paesi messi insieme.

Con il deterioramento delle relazioni tra Canberra e Pechino negli ultimi 18 mesi, il governo australiano ha avvertito il settore universitario di continuare a fare affidamento sugli studenti cinesi. Vedremo quali provvedimenti verranno presi dalle autorità accademiche per garantire la libertà di informazione e di critica.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA