CENTOVETRINE/ Riassunto puntata 17 novembre 2010. Contrasti tra Ettore e Adriano

- La Redazione

Cosè accaduto nellultima puntata del soap opera di Canale 5

programmitvR400
Fonte: Fotolia
Pubblicità

Centovetrine, riassunto puntata 17 novembre 2010 Ecco cosè accaduto a Centovetrine – Adriano afferma che Carol ha lasciato la clinica spontaneamente, ma Ettore vuole agire ugualmente per vie legali. Ferri promette al medico che lo farà radiare dallAlbo. Anzi dopo che lo avrà fatto licenziare dallospedale cercherà che nessuno gli dia più lavoro. Carol cerca di avere un chiarimento con Lavinia, la quale però le chiede come abbia fatto a dividere il suo amore tra due uomini. Infatti le mostra le foto che la vedono abbracciata al suo amante. Carol rimane sorpresa. In effetti non si aspettava che Lavinia conoscesse il nome delluomo per cui ha tradito suo marito. Lavinia però le chiede come mai si è innamorata proprio del suo ex marito. E poi le domanda anche perché ha sposato Ettore. Lavinia che poi si congeda dalla madre con una frase molto forte. Per me da oggi tu sei morta. Sebastian intanto telefona a Viola perché vuole sapere dalla figlia se vuole portare a termine limpegno che ha preso, se si sente sicura di tutto questo.

Pubblicità

Viola risponde che non ha nessuna incertezza sul da farsi e allora Sebastian le annuncia la prossima decisione che prenderà, per demolire Damiano. Rilascerà un’intervista alla stampa. Così Sebastian risponde alle domande che gli rivolge un famoso giornalista. Afferma che non esistono prove contro di lui, che tutte le indagini che sono state fatte contro di lui si sono sempre concluse con un nulla di fatto. Anche Viola e Damiano vedono questa intervista e Damiano capisce che le parole di Sebastian sono rivolte contro di lui.Ivan e Viviana tornano poi nelle loro case. I due si pensano in continuazione. Viviana confida a Paola che lei e Ivan non hanno fatto l’amore per non rovinare la loro amicizia. Tutto concluso? No perché Bettini raggiunge Viviana alla stazione. Andrà con lei fino a Roma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori