LE INVASIONI BARBARICHE/ Riassunto puntata di ieri 26 novembre 2010, Nichi Vendola dimostra di sapere dov’è Bari

- La Redazione

Riassunto della puntata di ieri sera 26 novembre 2010 delle Invasioni barbariche: Nichi Vendola risponde all’attacco di Libero sulla figuraccia geografica alla George Town University

invasionibarbariche_R400

Le invasioni barbariche riassunto puntata 26 novembre 2010 – Daria Bignardi ha ospitato ieri nello studio delle Invasioni barbariche Nichi Vendola, Aldo Nove con il suo nuovo libro “La vita oscena”, Iva Zanicchi e l’attore e comico Alessandro Siani.
Lalta velocità può cambiare la configurazione geoeconomica del Mediterraneo, afferma Nichi Vendola. E provocato da Daria Bignardi risponde alle polemiche di Libero sulla figuraccia alla George Town University: il quotidiano di Belpietro, infatti, ha attaccato il presidente della Regione Puglia, perché durante una lezione universitaria oltreoceano, di geopolitica, avrebbe sbagliato a collocare Napoli e Bari sulla cartina. Ma Vendola si difende subito, affermando di sapere benissimo dove si trova Bari.

Poi racconta a Daria Bignardi dellincontro con Arnold Schwarzenegger: mi sembrava di essere nel film I due gemelli, confessa Vendola. E Daria Bignardi gli chiede scherzosamente se abbia rivelato a Schwarzenegger il suo soprannome: LObama bianco. Poi, Nichi Vendola passa allattacco della classe politica: anziché discutere di Noemi e Ruby, la politica, e si rivolge soprattutto al suo schieramento, la Sinistra, dovrebbe uscire dal palazzo.

Non possiamo fare battute su Brunetta a quest’ora, dice Alessandro Siani, invitato a parlare del suo ultimo libro “Un napoletano come me”, lui è piccolo ora è già a letto. “Sei più Novelle cousine o più Mc Donald?”, gli chiede Daria Bignardi. E Siani scherza, apprezzando il fatto che Daria riconosca i suoi gusti raffinati. Poi parla del cameriere napoletano: il bello è che si stanca subito di servirti. Inizia a parlarti che sembra già stanco. Poi gli chiedi se c’è “lu calamar’”. Certo che c’è, ti risponde lui, sempre con lo stesso entusiasmo. Poi aggiunge: l’ha priso anche chill’a fianco. Ma è fresch’? Chiedi tu. Cert’, vede che si muove ancor’?. Chi? Lu calamar’? chiedi tu. Ma no, chill a ffianco!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori