SARAH SCAZZI/ Quarto grado: dubbi sul cadavere di Sarah, ora del delitto e Cosima Misseri. Riassunto puntata 26.11.10

- La Redazione

La trasmissione di Salvo Sottile ha di nuovo approfondito il delitto di Avetrana

quartogrado_salvo-sottileR400
Salvo Sottile, conduttore di Quarto Grado

Il cadavere di Sarah Scazzi, la giornata di Cosima Misseri, lora del delitto. A Quarto grado, di cui vi proponiamo il riassunto della puntata del 26 novembre 2010, ha di nuovo affrontato il delitto di Avetrana con la presenza di inviati in diretta sul posto (Avetrana e Taranto) e di ospiti in studio Massimo Picozzi, Alessandro Merluzzi, Barbara Palombelli, lavvocato di Sabrina Misseri Emilia Velletri, il legale di zio Michele Daniele Galoppa, Cinzia Gimellini, consulente difesa Sabrina Misseri e il generale Garofano (Ris). Ma non solo la morte tragica e ancora oscura della quindicenne è stata argomenti del programma. E intervenuto anche il padre di Raffaele Sollecito, presunto assassino insieme ad Amanda Knox di Meredith Kercher, la studentessa inglese trucidata a Perugina nel 2007.

Da pochi giorni è iniziato il processo di appello per lomicidio, Amanda e Raffaele sono di nuovo alla sbarra (entrambi sono stati già condannati in primo grado). E intervenuto anche Patrick Loumumba, indicato ai tempi come assassino da Amanda, ma poi scarcerato perché estraneo ai fatti.

E poi il drammatico caso di Chiara Cavalieri, quindicenne scomparsa da casa e di cui non si hanno più notizie da mercoledì 24 novembre: in diretta da Genova cera la mamma disperata della ragazza, che ha rivolto un accorato appello alla figlia perché faccia ritorno e se è nelle mani di qualcuno, che questo la lasci andare. La pista che gli inquirenti starebbero seguendo è legata alle amicizie che la ragazza ha sul social network Facebook.

Ma è stato il delitto di Avetrana il fatto di cronaca su cui si è più discusso, nella puntata a te mesi esatti dalla sparizione e dalla morte della ragazza.

Ci sono dubbi sull’ora del delitto: Sarah è stata davvero uccisa in sette minuti intorno alle 14.30 del 26 agosto? I risultati autoptici lascerebbero dubbi rispetto a quanto raccontato da Misseri. Anche su Cosima ci sono molti punti oscuri: è stata davvero al lavoro quella mattina? Dei testimoni confermerebbero, ma risulterebbero anche due versamenti in banca in un orario compatibile con quello in cui la donna avrebbe dovuto lavorare, ma ci sono anche in questo caso dubbi sulla firma che la donna avrebbe fatto in banca. E’ davvero la sua? Oscuro anche il luogo del delitto: è stata davvero uccisa in garage oppure è stata strangolata in casa Misseri?

 

Perchè, come hanno riferito a Quarto grado in un servizio, Michele Misseri ha usato la frase “l’hanno trascinata” durante l’incidente probatorio? Riguardo Sabrina Misseri, l’avvocato Emilia Velletri ha detto che sono pochi gli indizi a carico della sua assistita, forse solo le telefonate. E poi ha affermato che attualmente, agli atti depositati, manca ancora il referto che dimostra che il cadavere trovato nel pozzo sia quello di Sarah.

 

La rivelazione potrebbe essere clamorosa, in realtà Garofano ha spiegato che il Ris (il generale ha parlato con i colleghi della Scientifica) ha riscontrato la compatibilità del dna del cadavere con quello dei parenti di Sarah, ma il referto non è ancora agli atti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori