UN CANE PER DUE/ Anticipazioni e trama. Con Giorgio Tirabassi e Carolina Crescentini. Stasera, 23 dicembre 2010, Canale 5

- La Redazione

In prima tv il tv movie diretto da Giulio Base

uncaneperdue_cane-tirabassiR400
Un cane per due

Un cane per due, anticipazioni e trama. Stasera, 23 dicembre 2010, Canale 5 ore 21.10 Un cane per due (anticipazioni e trama alla pagina seguente) è il divertentissimo tv movie che Canale 5 propone per il prime time di oggi. Per chi decide di trascorrere la serata dellantivigilia di Natale davanti alla tv, Un cane per due regalerà il sorriso grazie alla divertente e dolce storia che propone. Protagonisti del film il pestifero cane Spugna, che ne combinerà di tutti i colori a Valerio, interpretato da Giorgio Tirabassi e a Emma, Carolina Crescentini. Il film è diretto da Giulio Base e prodotto da Taodue. Nel cast anche Susy Laude, Fabio Troiano e Dino Abbrescia.

Linterpete di Spugna è un bellissimo quattro zampe di nome Miwok. Nelle note di regia lasciate da Giulio Base nel forum ufficiale di questo tv movie, emerge quanto sia stata divertente e allo stesso tempo edificante girare un film con un cane e un bambino, che si sono rivelate delle autentiche sorprese. Il film è davvero godibilissimo per tutti, grandi e piccini. Ora scopriamone la trama.

Un cane per due, la trama – Valerio (Giorgio Tirabassi), titolare di un’agenzia pubblicitaria è in crisi di idee e assediato dalle banche. la sua vita va in crisi e così quella dei suoi colleghi, a causa dei problemi sul lavoro. i conti della società sono in rosso e arriva anche un’ingiunzione di pagamento. Per salvare l’agenzia, accetta di prendersi cura di Spugna, il pestifero cane del nipotino, e la sua vita arriva a una svolta.

 

Da una parte il cucciolo mette in crisi la sua routine domestica e lavorativa combinandone di tutti i colori, dall’altra la convivenza forzata fa emergere un insospettabile lato umano che gli consentirà di entrare nelle grazie della sua bellissima collega Emma (Carolina Crescentini).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori