THE DAY AFTER TOMORROW – L’ALBA DEL GIORNO DOPO/ Anticipazioni e trama, stasera 18 aprile, del film catastrofico con Dannis Quaid

- La Redazione

Stasera, 18 aprile 2010, su Canale 5, va in onda il film fantascientifico e catastrofico, The day after tomorrow – l’alba del giorno dopo, su un’improvvisa glaciazione che investe la terra. Con Dannis Quaid e Sela ward. ALL’INTERNO IL VIDEO

day_after_tomorrowR375_15apr10
Pubblicità

The day after tomorrow – l’alba del giorno dopo, anticipazioni e trama stasera 21.30, Canale5 – La programmazione di questa sera di Canale 5 prevede un film tra fantascienza e catastrofismo, per la regia di Roland Emmerich. The day after tomorrow ha vinto l’MTV Movie Awards 2005 per la miglior sequenza d’azione.
Durante una campagna di ricerche sulla composizione degli strati di ghiaccio antartici, in stretta relazione con l’osservazione dei cambiamenti climatici, il paleoclimatologo Jack Hall (Dennis Quaid), assieme ai suoi due colleghi, Frank Harris e Jason Evans, assiste al distaccamento di una porzione immensa di banchisa dall’Antartide, pari alla superficie del Rhode Island. Alla conferenza delle Nazioni Unite sul Surriscaldamento Globale tenutosi a New Delhi, India, esponendo i suoi dati, illustrerà le condizioni che ritiene possibili per l’avvento di una glaciazione, anche se non sa quando potrebbe avvenire. Presentando la relazione dei suoi studi, si scontra con il vicepresidente degli Stati Uniti, (Kenneth Welsh) che non crede a queste previsioni catastrofiche, affermando che l’economia non è abbastanza florida per indirizzare la politica di governo sul cambiamento climatico. Un altro studioso del clima, scozzese, Terry Rapson (Ian Holm), prende per vere le conclusioni di Hall e inizia una collaborazione col professore statunitense.
Jack ha anche una vita privata tormentata, divisa tra lo studio, le esplorazioni e la famiglia. Sposato con un chirurgo, la dott.ssa Lucy Hall (Sela Ward), e avente un figlio, Sam Hall (Jake Gyllenhaal) che sente molto la mancanza della figura paterna.

Pubblicità

The day after tomorrow – l’alba del giorno dopo, anticipazioni e trama stasera 21.30, Canale5, i primi segnali – Sam partecipa ai campionati di cultura tra college che si tengono negli Stati Uniti, e parte per New York da Washington dove abita, assieme a due compagni di studio, Laura Chapman (Emmy Rossum), della quale è segretamente innamorato, e Brian Parks (Arjay Smith). L’aeroplano durante il volo entra in una turbolenza dovuta ad un eccezionale temporale, rischiando di precipitare. Sono i primi segnali che qualcosa sta per accadere.
Nel mondo incominciano a verificarsi strani eventi atmosferici; il professor Rapson, dal suo centro di studi in Scozia, verifica un preoccupante calo di 13 C della temperatura oceanica. Messosi in contatto col collega Hall, lo informa dei dati in suo possesso. Sviluppando quest’ultimi col suo metodo di calcolo, Jack stabilisce che è imminente una nuova glaciazione, in tempi brevissimi. Incontrando nuovamente il vicepresidente degli Stati Uniti, Jack presenta i suoi dati, ma ancora una volta non viene creduto e tacciato di sensazionalismo.

Continua la lettura dell’articolo con le anticipazioni di The day after tomorrow domenica 18 aprile clicca su >> qui sotto

 

Pubblicità

The day after tomorrow – l’alba del giorno dopo, anticipazioni e trama stasera 21.30, Canale5, la situazione degenera – A New York intanto piogge torrenziali devastano la città, fino a che un immane maremoto allaga Manhattan. Sam ed i suoi amici, in compagnia di un ragazzo conosciuto al torneo di cultura, J.D. (Austin Nichols), si rifugiano nella New York Public Library. Laura, nel tentativo riuscito di salvare una madre con la figlia in pericolo, si ferisce ad una gamba.
Nel mondo intanto gli eventi atmosferici degenerano, fino a che Los Angeles viene distrutta da una serie di tornado. In Scozia, nel frattempo, una formazione di elicotteri da trasporto militari precipita entrando in un cono tra le nuvole. Si tratta dell’occhio di un ciclone nel cui interno si raggiunge la temperatura di -100° Celsius. Rapson avvisa immediatamente Hall, e la conclusione è che tre di questi cicloni si stanno indirizzando nell’area a nord dell’equatore. È l’avvento di una nuova glaciazione.
Sam e Laura intanto incominciano ad avvicinarsi sempre più. Il primo, riuscito a mettersi in contatto col padre, viene avvisato di rimanere asserragliato nella biblioteca e di scaldare l’ambiente il più possibile. Jack decide inoltre di partire per New York e salvare il figlio, in compagnia di due fedeli collaboratori, Jason Evans (Dash Mihok) e Frank Harris (Jay O. Sanders). Prima di partire Jack incontra direttamente il Presidente degli Stati Uniti (Perry King) che viene convinto dalle sue parole. Si preparerà un’evacuazione di tutti gli Stati centrali verso il Messico. Per ottenere questo vengono azzerati i debiti di questo paese. Chi abita in quelli settentrionali non ha oramai più possibilità di fuga.
A New York, nel frattempo, Sam e Laura cercano di convincere chi si è rifugiato con loro a non abbandonare la biblioteca. Pochi sono convinti, mentre la maggioranza decide di incamminarsi verso sud. Moriranno tutti assiderati.

 

Continua la lettura dell’articolo con le anticipazioni di The day after tomorrow domenica 18 aprile clicca su >> qui sotto

 

The day after tomorrow – l’alba del giorno dopo, anticipazioni e trama stasera 21.30, Canale5, pericolo sulla nave – Chi rimane incomincia a bruciare le cataste di libri per cercare di riscaldare l’ambiente. Intanto una nave da trasporto russa si incaglia contro la biblioteca. Laura inizia a stare male, febbricitante. Si tratta del taglio non curato che è in setticemia. Per salvarla Sam, che si è dichiarato a lei (peraltro contraccambiato), esce dalla biblioteca per trovare dei farmaci nella stiva della nave. Riuscirà, in compagnia di J.D. e Brian, scampando all’attacco dei lupi dello zoo oramai liberi a Manhattan, rientrando appena in tempo dall’arrivo dell’occhio del ciclone.

The day after tomorrow – l’alba del giorno dopo, anticipazioni e trama stasera 21.30, Canale5,l’alba del giorno dopo – Jack e i suoi amici nel frattempo sono oramai alle porte di New York. Frank Harris muore, precipitando dal tetto di un centro commerciale sommerso dalla neve. Jack e Jason Evans trovano rifugio in una cucina di un fast food abbandonato e riescono a salvarsi. Il giorno dopo, all’alba si incamminano verso la biblioteca, riuscendo ad incontrare Sam e le altre persone asserragliate nella biblioteca.
Il presidente Blake è morto, a causa del maltempo, e il vicepresidente, ricredutosi sugli avvertimenti di Jack, promette, parlando dal Messico, a quella parte del mondo ancora viva, che mai più l’uomo cercherà di sovrastare la natura.

The day after tomorrow – l’alba del giorno dopo, anticipazioni e trama stasera 21.30, Canale5,errori e bloopers – In The Day After Tomorrow sono presenti le seguenti imprecisioni:

    * Sulla nave incagliata a New York i protagonisti toccano il metallo delle porte e delle pareti a mani nude: con le temperature descritte nel film e dato che il metallo è un ottimo conduttore termico i protagonisti avrebbero dovuto riportare gravi ustioni da freddo, ma ne escono senza alcun danno.

 

Continua la lettura dell’articolo con le anticipazioni di The day after tomorrow domenica 18 aprile clicca su >> qui sotto

 

   * Quando si vedono i palazzi congelare, si dovrebbe verificare anche il crollo degli stessi: l’acqua presente nelle costruzioni quando congela aumenta di volume creando così crepe e cedimenti nelle costruzioni.
    * Parlando teoricamente, una glaciazione è un insieme di fattori sia terrestri che astronomici: sembra dunque improbabile che una glaciazione provocata esclusivamente per fattori terrestri si compia in pochi giorni.
    * Quando New York viene sommersa, si può notare che il grande muro d’acqua proviene dalla parte sbagliata; anziché venire da est dove c’è l’Oceano Atlantico, viene da ovest, o meglio, dal lato destro della Statua della Libertà, dove vi è la terraferma.
    * Il muro d’acqua che sommerge New York City è alto circa quattro piani, ma nell’avanzare della tempesta, quando l’acqua si congela, si vedono i bassi semafori e i lampioni della biblioteca emergere, mentre i palazzi sono sempre sommersi di quattro piani circa.
    * All’esterno, nella gelida New York, il respiro non emette vapore acqueo.
    * La penicillina, contenuta in un vaso di vetro nella stiva della nave, non è ghiacciata.
    * All’interno della biblioteca, quando cercano viveri nei distributori automatici per il personale (patatine e snack vari), vi è una cassetta del pronto soccorso (si vede, perché bianca con una croce rossa). Probabilmente non sarebbe servito uscire a cercare sulla nave la penicillina.
    * L’ondata di gelo ghiaccia e sigilla tutte le finestre della biblioteca, ma ciò non accade con la canna fumaria del caminetto dove i protagonisti bruciano i libri per scaldarsi. Nella realtà il tappo di ghiaccio farebbe sì che il fumo non riesca ad uscire dal palazzo, uccidendo dunque le persone presenti per soffocamento.
    * Nella scena dei tornado, l’elicottero del Tg vola tranquillamente mentre tutto intorno è pieno di trombe d’aria. Questo è improbabile, visto che lo spostamento d’aria provocato dai tornado avrebbe fatto precipitare l’elicottero.

 

Continua la lettura dell’articolo con le anticipazioni di The day after tomorrow domenica 18 aprile clicca su >> qui sotto

The day after tomorrow – l’alba del giorno dopo, anticipazioni e trama stasera 21.30, Canale5, curiosità
    * Gli statunitensi vengono definiti profughi e inizialmente respinti alla frontiera Messicana.
    * Molti i riferimenti all’attualità politica, con il dibattito sul Trattato di Kyoto, respinto dal vicepresidente degli Stati Uniti. La visione apocalittica data dal regista Roland Emmerich sul conflitto tra natura e uomo pone al centro del film l’importanza dell’ambientalismo, riprendendo la sua prima opera, Il principio dell’Arca di Noè del 1984.
    * Il regista ha pagato di tasca sua 200.000 dollari per rendere la produzione "ecologica": tutte le emissioni inquinanti o di anidride carbonica generate dalla troupe sono state "annullate" piantando alberi e producendo energia da fonti alternative, quindi non inquinanti.
    * Dopo 10 minuti dell’inizio del film, nella parte quando la boa 4311 cala di temperatura, si può ascoltare la partita di calcio, il telecronista pronuncia i nomi di Rio Ferdinand, Cristiano Ronaldo, Ryan Giggs e Van Nistelrooy, si tratta infatti di una partita del Manchester United.

(Fonte: Wikipedia)
 

 

 

Clicca qui sotto >> per guardare il video di The day after tomorrow

The day after tomorrow – l’alba del giorno dopo, anticipazioni e trama stasera 21.30, Canale5 – Da youtube un video del film in onda stasera su Canale 5, The day after tomorrow.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

I commenti dei lettori