NON TI MUOVERE/ Trama e trailer del film con Castellito e Penelope Cruz. Il dramma di Italia in Non ti muovere. Stasera, Canale 5

- La Redazione

Lemozionante, duro e crudo film tratto dal best seller di Margaret mazzantini, in onda stasera su Canale 5 alle 21.10

nontimuovere_cruz-castellittoR375

Non ti muovere, trama e trailer del film, il dramma di Italia. Stasera, 14 giugno 2010, Canale 5, ore 21.10 Stasera vedremo lItalia su Rai Uno nella partita dei Mondiali 2010 e in Non ti muovere su Canale 5. La prima è la nazionale di Marcello Lippi, la seconda Italia è la protagonista di Non ti muovere, il film diretto e interpretato da Sergio Castellitto, in onda stasera su Canale 5. Non ti muovere racconta una storia intensa, drammatica, coinvolgente, dai toni duri, dai ritmi ora lenti ora concitati. Un viaggio nellanima tormentata di un uomo indeciso e di una donna sfortunata e dannata, che ritrova un angolo di felicità in un amore impossibile, che la distruggerà, ma che per un attimo dà il senso a unesistenza da derelitta.

Non ti muovere è tratto dal best seller di Margaret Mazzantini, la moglie di Sergio Castellitto. Alla colonna sonora di Non ti muovere ha collaborato anche Vasco Rossi, che per i titoli di coda ha scritto apposta il brano che si è rivelato poi un grandissimo successo Un senso.

Non ti muovere, trama del film, stasera, 14 giugno 2010, Canale 5 ore 21.10 -Timoteo, uomo tranquillo e borghese, fa il neurochirurgo. In attesa, riporta il sito 35mm, si sciolga la prognosi di sua figlia, vittima di un incidente ed in drammatiche condizioni, il medico ripensa alla propria vita ed in particolare al rapporto adulterino con una donna piccola e brutta, Italia, incontrata d’estate in una periferia degradata, causa un guasto all’auto. Una serie di ricordi si affastagliano nella sua mente, mentre prega per la vita della sua bambina, ricordi che lo portano ad elaborare il rapporto con le proprie donne: la moglie, Elsa, decisionista, fascinosa, indipendente, e l’amante, Italia, remissiva, mesta, silenziosa, sempre in attesa di un suo gesto. Nel ricostruire questa storia parallela, Timoteo mette a nudo lati di sé che egli stesso non avrebbe mai sospettato di possedere: una brutalità ferina, una visceralità priva di freni, ma anche un bisogno di essere accolto in un ventre materno che nulla chiede ed offre tutto. I ricordi arrivano fino ad un viaggio verso un sud del mondo, alla ricerca di un amore impossibile dalla straziante conclusione…

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori