PIETRO TARICONE/ Muccino aveva scelto Taricone, compagno della Smutniak, perché non eraassetato di fama

- La Redazione

Il regista che ha diretto lex concorrente del Grande Fratello spiega le ragioni che lhanno spinto a inserirlo nel cast

taricone_smutniakR375
Pietro Taricone e Kasia Smutniak

Pietro Taricone scelto da Muccino perché non era “ingordo” di fama E ancora molto fresco e vivo il dolore per la scomparsa di Pietro Taricone, che ha lassciato la compagna Kasia Smutniak e la figlia Sophie dopo un terribile schiantato con il paracadute che non gli ha dato scampo. Sul web continuano le manifestazioni daffetto verso Kasia Smutniak e su Facebook sono ancora tantissimi i ricordi per Pietro. Nei giorni scorsi tanti personaggi del mondo della televisione, dello spettacolo, del cinema (anche al Roma fiction festival è stato omaggiato), hanno dato un loro ricordo personale in memoria dellattore originario di Caserta.

E oggi, come riporta il sito Adnkronos, è Gabriele Muccino a proporre il suo ricordo. Muccino aveva diretto lattore in Ricordati di me, film con Fabrizio Bentivoglio, Laura Morante, Monica Bellucci Nicoletta Romanoff, Silvio Muccino.

Pietro Taricone, il ricordo di Gabriele Muccino – Il resgista che aveva diretto l’attore scomparso in un drammatico incidente con il paracadute ha lasciato il suo ricordo personale di Taricone alle colonne del settimanale Chi. "Taricone era diverso – riporta Adnkronos – intelligente, affettuoso, consapevole fino all’amarezza. Ricordo i giorni passati insieme sul set come un film che oggi appare struggente e senza un seguito".

 

In Ricordati di me Pietro Taricone interpretava il ruolo di un talent scout che ha creato illusioni di carriera televisiva a Valentina Ristuccia (Nicoletta Romanoff). 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori